Mario Draghi alza la posta della scommessa a un miliardo di €

La Banca Centrale Europea lancia il raddoppio di una scommessa molto rischiosa, che prende tempo ma non risolve i problemi di fondo dell'eurozona.

di Carmen Gallus, curatrice Dall'Estero, pubblicato il
La Banca Centrale Europea lancia il raddoppio di una scommessa molto rischiosa, che prende tempo ma non risolve i problemi di fondo dell'eurozona.

di Ambrose Evans Pritchard, The Telegraph – L’ultima esplosione del credito di Mario Draghi evita una crisi di finanziamento per le banche e gli stati paralizzati dell’UEM, ma aumenta il costo finale a livelli catastrofici, nel caso che la crisi di fondo dell’Europa meridionale dovesse andare avanti sino alla metà del decennio.


Circa 800 banche hanno preso € 529.5 miliardi di prestiti da Mr. Draghi nella seconda operazione di rifinanziamento a lungo termine (LTRO) di Mercoledì, un prestito per tre anni all’1% con qualsiasi tipo di garanzia. Citigroup ha dichiarato che questo equivale a € 316 miliardi di liquidità fresca, al netto del rinnovo dei vecchi prestiti. Ciò a fronte di 200 miliardi di euro di extra stimolo della prima LTRO di dicembre.

 

Mr Draghi ha riscosso il plauso dei monetaristi di tutto il mondo, convinti che egli abbia agito appena in tempo per scongiurare una pericolosa contrazione dell’offerta di moneta, e un vero e proprio disastro bancario. “Draghi è stato molto astuto, ed ha dato nuova vita al progetto della moneta unica“, ha detto il professor Tim Congdon dell’International Monetary Research. “E’ estremamente utile per le banche avere il tempo di recuperare. I crediti a basso costo aumenteranno la crescita di M3 e guideranno la ripresa economica di quest’anno. Inutile dire che il bazooka Draghi non risolverà gli squilibri esterni dei paesi del Club Med. Dovranno ugualmente passare attraverso delle svalutazioni interne, e la questione è se riusciranno a sopportare questa agonia“.

 

 

Draghi potrebbe aver salvato l’euro“, ha detto Lars Christensen di Danske Bank. “Quello che hanno fatto non è ottimale. Essi agiscono arbitrariamente, senza regole fisse e una strategia chiara, ma almeno stanno agendo. Se la BCE l’avesse fatto un anno fa, non avremmo avuto l’ultima crisi nel sud Europa e si sarebbero potuti risparmiare miliardi dei contribuenti Europei“.


Eppure c’è un lato oscuro della magia di Draghi. Le banche Spagnole hanno usato le LTRO per aumentare la detenzione del debito sovrano del 29%, a € 230 miliardi, e lo stesso modello è stato seguito in Italia. Le banche più deboli stanno comprando i titoli di Stato più deboli, spesso in volumi che superano la loro base di capitale proprio. “E’ una opzione a leva sul rischio sovrano“, ha detto Alberto Gallo, un credit strategist di RBS.

 

Le banche devono dare alla BCE delle garanzie per un haircut, utilizzando i propri bilanci. Dal momento che la BCE ha la priorità su tali assets, gli altri creditori seguono, in subordine. “Non c’è un pranzo gratis: la liquidità di oggi è al prezzo della subordinazione di domani“, ha detto Gallo.


Bob Janjuah di Nomura ha detto che tutto il sistema creditizio viene sovvertito: “Abbiamo una vera e propria anarchia monetaria, mentre il rapporto tra l’economia reale e i mercati alimentati da questa liquidità è sempre più tirato, oltre ogni limite“.


Professor Charles Wyplosz dell’Università di Ginevra ha detto che lo stratagemma della BCE per il salvataggio degli Stati insolventi passando dalla porta di servizio, si ritorcerà contro, se i leaders Europei non riusciranno a risolvere i mali fondamentali dell’UEM e si troveranno di fronte a un'”onda contagiosa” di default sovrano.


Le LTRO rendono tutto più pericoloso. Le banche prendono a prestito denaro dalla BCE per acquistare titoli di stato. Quanto più le banche accumulano queste obbligazioni, più la situazione diventa rischiosa. La BCE sembra fare una scommessa da un trilione di euro“, ha detto Wyplosz.


Se i mercati dovessero concludere che mancano degli interventi fondamentali di politica economica, prevarrà un cattivo equilibrio, il default del debito si diffonderà e le banche della zona euro falliranno, imponendo ai contribuenti un tale enorme costo che l’euro potrebbe crollare.”


Dobbiamo affrontare il fatto che molte delle più grandi banche commerciali si trovano in una situazione precaria. Stime di economisti della New York University suggeriscono un rischio dai 1.000 a 1.500 miliardi di dollari. E un’ondata contagiosa di default sovrani potrebbe senza dubbio aumentare l’importo.


A questo proposito, Germania, Francia e Spagna sono i prossimi in fila per la crisi del debito sovrano. Questo è il risultato di tre anni di tolleranza in stile giapponese“.

Jaime Dannhauser di Lombard Street Research ha detto che i dati di gennaio della BCE mostrano che l’offerta di moneta nel nord Europa ha cominciato a recuperare, ma finora non risulta che la prima LTRO abbia fatto molto per rilanciare il credito alle imprese, dove è maggiormente necessario.


“Le LTRO hanno impedito un crollo del sistema di prestito interbancario in Spagna e in Italia, e una catastrofe bancaria, ma non hanno ancora migliorato le condizioni del credito in questi paesi”, ha detto.


Altre 300 piccole banche hanno preso parte alle LTRO di questa settimana, approfittando delle nuove regole che permettono loro di impegnare i loro portafogli a garanzia del credito presso la BCE: “Le piccole banche sono cruciali per i prestiti alle piccole imprese. Non sempre detengono titoli e prima non potevano prendere in prestito dalla BCE, quindi questo potrebbe essere un cambiamento importante“.


Simon Ward di Henderson Global Investors, ha dichiarato che gli ultimi dati mostrano che i depositi reali M1 nell’Europa periferica sono ancora in una spirale negativa, con un crollo del 12.9% in Grecia, del 9.2% in Irlanda, del 9% in Portogallo, dell’ 8% Italia e dell’1.5% in Spagna, solo nel corso degli ultimi sei mesi – il che significa un tasso annuale a due cifre.


La portata di questo declino è quella di una depressione”, ha detto. Non c’è stata tregua nel mese di gennaio. Per tutti quelli che parlano di stimolo inflazionistico, l’offerta di moneta in gran parte dell’Europa si sta contraendo più rapidamente che nel 1931.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mario Draghi, Visti dall`estero

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.