Youtube non è più un sito pirata grazie a Copyright Match, tool che protegge i video

Svolta epocale per Youtube, arriva il tool Copyright Match, sistema che permetterà agli autori di tutelare i propri video.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Svolta epocale per Youtube, arriva il tool Copyright Match, sistema che permetterà agli autori di tutelare i propri video.

Ancora novità importanti in casa Youtube, dopo l’arrivo della nuova app dedicata alla musica, ora è il momento di tutelare anche i video, ecco Copyright Match, il tool che permetterà agli autori e youtubers vari di tutelare al meglio i propri contenuti caricati sulla piattaforma.

Youtube e la lotta alla pirateria

Che cos’è un sito pirata? E’ un aggregatore di contenuti che violano il copyright degli autori. Youtube, sembrerà strano, ma è un sito pirata a tutti gli effetti, grazie proprio al sistema non perfetto che lo sorregge. Il suo essere un aggregatore di video pirata non è certo voluto, nella postilla relativa alla registrazione è specificato chiaramente che chi carica i video sul portale deve essere l’autore intellettuale e materiale di tale video. Ma cosa troviamo invece su Youtube? Scene di film, a volte anche interi film, spettacoli televisivi, per non parlare delle canzoni. Quando andiamo a controllare poi il nome di colui che ha caricato tali video, ci accorgiamo che è un semplice amatore.

In questo senso quindi Youtube è a tutti gli effetti un sito pirata, ora c’è la svolta probabilmente epocale, visto che con tale mossa si potrà quasi certamente stravolgere completamente questo sistema e permettere agli account ufficiali di condividere i propri contenuti in tutta sicurezza, senza il rischio di essere duplicati da altri youtubers improvvisati. Dopo una fase di test durata un anno, ecco Copyright Match. Tra una settimana o poco più gli youtubers che contano almeno 100 mila iscritti al canale lo vedranno comparire tra le proprie funzioni nel Creator Studio.

Potrebbe interessarti anche: Truffe online per Home Banking, 600 mila euro rubati con questo sistema

Tale tool raccoglierà tutte le infrazioni segnalate dal nuovo algoritmo, L’autore potrà consultarle, scrivere al responsabile dell’azione, chiedere a YouTube che venga effettuata la rimozione del video incriminato oppure scegliere di non fare nulla. In sintesi, la grande band pubblica il nuovo singolo su Youtube? Arriva il tizio sconosciuto, ne effettua il download e lo ricarica sulla propria pagina? Il nuovo tool avvisa subito la band in questione dell’infrazione, e sta a lei poi decidere sul da farsi (in questo caso farà rimuovere il contenuto duplicato, a tal proposito ricordiamo che lo scorso anno sono stati rimossi 8,3 milioni di video per questo motivo).

L’algoritmo non è perfetto, potrebbe anche segnalare abusi che non sono tali, ogni caso quindi va valutato dal diretto interessato, sempre consultando le linee guida dell’azienda. Ecco uno stralcio del comunicato ufficiale di Youtube che sintetizza a chiare lettere il nuovo strumento: “Lo strumento Copyright Match trova i caricamenti integrali dei vostri video originali su altri canali. Una volta identificata la pratica potete consultarne i dettagli nel YouTube Studio e scegliere l’azione da attuare”.

Potrebbe interessarti anche: Google Maps, le funzioni da non perdere che in pochi conoscono

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: novità YouTube