Xafecopy, arriva il malware Android che ci propina abbonamenti indesiderati

Occhio al nuovo malware che sta infettando i dispositivi Android, si chiama Xafecopy e attiva a nostra insaputa servizi in abbonamento. Come difendersi?

di , pubblicato il
Occhio al nuovo malware che sta infettando i dispositivi Android, si chiama Xafecopy e attiva a nostra insaputa servizi in abbonamento. Come difendersi?

Una nuova tegola arriva sui nostri device Android. Si chiama Xafecopy il malware segnalato da molti utenti i quali si sono visti attivati sul proprio dispositivo abbonamenti indesiderati. Stavolta ci va giù duro il nuovo malware. A quanto pare si nasconde tra le app Android e si sta rivelando un problema più grande del previsto.

Xafecopy ci sta sfilando un bel po’ di soldini

La beffa maggiore è che nemmeno ce ne accorgiamo il più delle volte, come detto, infatti, questo malware si insidia tra le app Android attivando servizi a pagamento senza nemmeno notificarlo. In poche parole, molti utenti si sono trovati meno soldi sul proprio smartphone senza capirne il motivo. I più disattenti non se ne sono nemmeno accorti e la cosa è andata avanti per un po’. Occhio alle vostre sim quindi, date bene un’occhiata a quanto avete sul vostro credito prima di procedere a qualche nuova installazione, ma andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta, così da offrire qualche indicazione in più agli utenti.

Leggi anche: Campanelli intelligenti, arrivano anche in Italia i dispositivi IoT

In pratica, il file malevolo si nasconde all’interno di applicazioni che promettono di ottimizzare le prestazioni della batteria ma che in realtà mettono in atto un processo chiamato “WAP-billing“. L’applicazione riesce ad accedere in background a vari siti web attivando ad insaputa dell’utente alcuni servizi in abbonamento in grado di prosciugare il credito telefonico presente sulla sua SIM. Xafecopy è in grado di simulare le procedure di controllo e trasmetterle in background.

In tal guisa il malware potrebbe riuscire ad attivare anche più di un singolo abbonamento. Secondo le indagini degli esperti, la fonte del virus sarebbe in Asia, ma come fare per difendersi? Il nostro consiglio è di controllare tutti i diritti di accesso richiesti dalle applicazioni che si desiderano installare ed eventualmente scaricando un buon antivirus con protezione anti-malware sul proprio dispositivo Android per prevenire eventuali attacchi.

E’ inoltre suggerito contattare il vostro operatore per richiedere il servizio di barring, così da contrastare tutte le attivazioni indesiderate.

Leggi anche: Fumetti in VR, Square Enix prepara la rivoluzionaria realtà virtuale

Argomenti: ,