WWDC 2015: cos’è Apple Music?

Si è fatto attendere, ma alla fine è stato annunciato durante la WWDC 2015: Apple Music è il nuovo servizio di streaming musicale targato Apple che sarà disponibile dal 30 giugno.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Si è fatto attendere, ma alla fine è stato annunciato durante la WWDC 2015: Apple Music è il nuovo servizio di streaming musicale targato Apple che sarà disponibile dal 30 giugno.

Una rivoluzione da molti attesa, anche solo per sentire di nuovo quelle parole: non è un caso che Jimmy Iovine sia salito sul palco citando Steve Jobs. Apple Music è tre cose, un servizio musicale rivoluzionario: questa l’affermazione che ha fatto spellare le mani ai presenti al Moscone Center di San Francisco dove si è tenuta la conferenza di apertura della WWDC 2015. Apple Music rimpiazzerà iTunes e lo farà con un servizio che pone la musica al centro di tutto, attraverso playlist organizzare da esperti di musica umani, suggerimenti, notizie, un ponte di contatto tra artisti e fan e perfino una stazione radio. L’obiettivo dichiarato di Iovine è quello di rendere la musica come arte e come tale sarà trattata dal nuovo servizio musicale targato Apple.  

Radio

Andiamo con ordine: si chiamerà BeatsOne la stazione radio che trasmetterà 24/7 da 3 luoghi, ovvero New York, Los Angeles e Londra. Una radio a tutti gli effetti, che presenterà le ultime novità musicali e ospiterà artisti del panorama musicale internazionale per dare agli appassionati ciò che vogliono da una radio improntata sulla musica e su tutto ciò che gli gira intorno.  

Playlist e Connect

Poi ci sono le playlist: non solo quelle curate da un team di esperti del panorama musicale, ma anche quelle che offre la funzione For You, che raccoglie canzoni suggerite in base alle esigenze e alle preferenze personali dell’utente attraverso un processo di memorizzazione generato da un sofisticato algoritmo. A tutto ciò si aggiunge poi Connect, l’innovativa funzione che metterà in contatto i fan con i propri artisti più amati, come in un vero e proprio social network.  

Siri e video

A chiudere la carrellata di novità, ci pensa l’integrazione con Siri, per suggerimenti mirati e ad hoc e per conoscere tutte le informazioni inerenti a una particolare canzone o artista, e l’espansione dei contenuti multimediali attraverso la possibilità di visualizzare i videoclip dei brani che stiamo ascoltando e che apprezziamo.  

Disponibilità

Apple Music sarà disponibile dal 30 giugno in circa 100 Paesi e sarà supportato non solo dai dispositivi iOS, ma anche da quelli equipaggiati con Android e Windows Phone: un’apertura strategica alle aziende concorrenti che fa tanto pensare alla recente apertura di Microsoft (Office, Cortana) e che ovviamente dovrebbe generare maggiori profitti. Il prezzo è quello anticipato: 9,99 dollari al mese, oppure 14,99 dollari per la soluzione famiglia, espandibile fino a 6 utenti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: WWDC 2015