World Emoji Day, i numeri della deriva celebrata ieri con grande giubilo

Oltre un miliardo di emoji al giorno, numeri che fanno accapponare la pelle, ma noi li festeggiamo con il World Emoji Day.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Oltre un miliardo di emoji al giorno, numeri che fanno accapponare la pelle, ma noi li festeggiamo con il World Emoji Day.

Tutti noi abbiamo una maschera, metaforicamente parlando“, diceva il dottor Arthur Neuman in The Mask, ma erano gli anni 90. Le maschere che utilizziamo oggi non vanno più indossate, ecco a voi gli emoticon, e quale occasione migliore per festeggiare il nuovo trend del World Emoji Day? Ieri, martedì 17 luglio, si è celebrato questo strano evento del quale, francamente, non sentivamo affatto il bisogno, ma tant’è.

Emoji per tutti, i numeri spaventosi

In chat, nei messaggi, nelle email, nei post, in ogni dove c’è la presenza degli emoji. Su Facebook si è celebrato il tutto in grande stile, con una giornata a tema sponsorizzata dal social che, si sa, in quanto a eventi veniali non manca mai di dire la sua. La presenza di queste faccine è ormai un topos del nostro mondo virtuale. Impossibile quasi scrivere un contenuto testuale senza corredarlo di una faccina che riassuma in sintesi visibile l’intenzione della missiva. Guai a inviare un messaggio senza un emoji, sul web spesso e volentieri si finisce a parolacce proprio per una sua assenza.

Potrebbe interessarti anche: Viaggi e vacanze, le migliori app da installare sul proprio smartphone questa estate

Purtroppo, e questo è un male che il web si porta dietro come una delle sue massime colpe, si sta perdendo sempre più l’utilizzo di un linguaggio esaustivo, l’uso comune dello scrivere in chat e sui social è perfettamente identico a quello del linguaggio verbale, va da sé quindi che tale linguaggio poco si presta ad una comprensione chiara del testo, troppo poco didascalico per rendere chiare le reali intenzioni del suo contenuto. In sintesi, scriviamo come parliamo e, per questo motivo, è necessario aggiungere anche la faccina (quando parliamo abbiamo un volto che accompagna il linguaggio) per far capire le venature del testo (se cioè siamo arrabbiati, siamo sarcastici, eccetera).

Ma passiamo ai numeri. Attualmente esistono oltre 2800 emoji, 2300 sono utilizzate tutti i giorni dagli utenti di Facebook. Le stime ci dicono che sono oltre il miliardo e mezzo le faccine che fanno capolino sul social. In più di 700 milioni di casi le faccine sostituiscono completamente il testo, le inviamo da sole senza nemmeno una parola. Le indicazioni sembrano ormai sempre più chiare, per il popolo di Facebook e simili una faccina vale più di mille parole. Forse la giusta evoluzione di questo fenomeno è quella di tornare ad esprimerci a gesti anche nel mondo reale. E non chiamateci analfabeti funzionali.

Potrebbe interessarti anche: Radiazioni da smartphone, ecco la lista di device che spaventa tutti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Facebook Messenger, Chat