Aggiornamento a Windows 11 non sarà gratis per tutti, ma solo per alcuni utenti

Nuove indiscrezioni sull'aggiornamento a Windows 11.

di , pubblicato il
Windows 11

Si avvicina la data del 24 giugno, giorno in cui Microsoft terrà un importante evento. A quanto pare però su Windows 11, il main event della giornata, continuano ad arrivare indiscrezioni, bruciando in tal modo la sorpresa che l’azienda probabilmente voleva preparare.

Windows 11, gratis per alcuni?

In rete la build apparsa ha svelato alcune delle novità che faranno parte del nuovo sistema operativo targato Microsoft. Ma non è l’unica indiscrezione che ci viene svelata di recente, pare infatti che l’upgrade sarà gratis solo per coloro che hanno Windows 7 e 8.1. Che sia invece gratuito per chi usa Windows 10 dovrebbe essere scontato, visto che la somiglianza tra i due è particolarmente accentuata, fatta eccezione per il restyling che caratterizza il nuovo OS. Ma sarà davvero così? E come mai questa novità di far pagare l’upgrade ad alcuni utenti?

Secondo gli esperti si tratterebbe di una nuova strategia da parte di Microsoft, anche se dobbiamo ammettere che per molti si tratta di una strategia incomprensibile. Altre indiscrezioni invece suggeriscono che chi ad esempio ha sul proprio pc Windows 8, dovrà effettuare l’aggiornamento a 8.1 prima di passare a Windows 11. Tutte queste indiscrezioni comunque sono trapelate, come dicevamo, dalla build che si basa su diverse chiavi di configurazione. Le stime di Microsoft parlano di 1,3 miliardi di utenti che usano oggi Windows 10, l’azienda di Redmond spera che tutte queste persone migrino verso il nuovo OS.

Windows 11, le novità

Ma quali sono le novità che ci attendono nel nuovo sistema operativo targato Microsoft? Ci sarà qualche novità innanzitutto nel design, ma non solo. Sappiamo che avremo una nuova visuale per il menu di avvio, barra delle applicazioni centrata e Shell più moderno che presenterà nuove icone con finiture in 3D.

Insomma, un nuovo OS che sembra apportare poche modifiche ma buone. Staremo a vedere.

Potrebbe interessarti anche Tractable, quando l’intelligenza artificiale valuta i danni e trasforma il mondo dell’insurtech

Argomenti: