WhatsApp, sms truffa: come evitare di cadere nella ‘rete’ e il problema della privacy

Nuova truffa web per WhatsApp: come difendersi. Intanto, problemi con la privacy sempre più esasperati: come eviatre la condivisione del proprio numero a Facebook.

di , pubblicato il
Nuova truffa web per WhatsApp: come difendersi. Intanto, problemi con la privacy sempre più esasperati: come eviatre la condivisione del proprio numero a Facebook.

WhatsApp non sta vivendo un buon periodo dal punto di vista della privacy: negli ultimi giorni, infatti, sfruttando la questione ‘Facebook’, si sta diffondendo un messaggio-truffa che invita gli utenti a effettuare il rinnovo di WhatsApp per non perdere la possibilità di continuare ad utilizzarlo. Bisogna fare molta attenzione, dunque: da un lato, c’è la questione della privacy e vi spiegheremo come fare a non ‘concedere’ a Facebook il nostro numero di telefono; dall’altro, c’è la questione dell’sms-truffa che ha già mietuto migliaia di vittime.

WhatsApp, il messaggio truffa: attenzione ai propri dati

La pagina ‘Una vita da social’, gestita dalla Polizia di Stato, ha annunciato una nuova truffa su WhatsApp: a migliaia di utenti, infatti, è arrivato un messaggio all’interno del quale si richiede di effettuare immediatamente il rinnovo (a pagamento) per non andare incontro alla disattivazione del proprio account. Gli hacker, in questo caso, stanno sfruttando il clamore mediatico legato al rinnovo dei termini e delle condizioni per la privacy: bisogna, allora, sottolineare che WhatsApp non è più a pagamento da tempo e che questo sms è assolutamente una truffa. Il rischio potrebbe essere molto alto: da una ‘semplice’ condivisione dei propri dati connessi all’account, alla possibilità di dare accesso a malintenzionati a nostri dati ‘sensibili’ come quelli bancari.

WhatsApp e Facebook: come evitare la condivisione del proprio numero di telefono

WhatsApp è sotto osservazione per una possibile violazione della privacy dei propri utenti. Nei giorni scorsi, infatti, è stato richiesto di accettare alcuni cambiamenti nella politica della privacy: in parole semplici (anche se la nuova policy era particolarmente complessa), la app darà il nostro numero di telefono a Facebook, il quale potrà utilizzarlo per rendere più ‘personalizzato’ il nostro account soprattutto in termini di pubblicità e inserzioni. Quello che bisogna capire è che il ‘prodotto’ e gli ‘affari’ di WhatsApp e Facebook si basano proprio sugli utenti e sulla possibilità di personalizzare gli interventi pubblicitari: a breve, infatti, inizieranno ad arrivare banner pubblicitari proprio sulla app di messaggistica istantanea.

Per evitare, bisogna andare semplicemente nelle ‘Impostazioni’ e spuntare la casella che invita a condividere su Facebook i propri dati: si hanno soltanto 30 giorni di tempo, dunque occorre fare in fretta. Insomma, l’era dei social significa questo: siamo noi a produrre denaro per le aziende, inconsapevolmente e semplicemente utilizzando le app e i social stessi.

Leggi anche:

WhatsApp vuole dare il tuo numero a Facebook? Due modi semplici per dire ‘NO’

WhatsApp, addio privacy: l’azienda rivelerà i dati a Facebook, il mercato lo richiede

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , , , , , ,