WhatsApp risponde all’esodo, ecco il comunicato ufficiale che spiega la nuova policy

Importante precisazione da parte di WhatsApp che prova a rassicurare i suoi utenti.

di , pubblicato il
Importante precisazione da parte di WhatsApp che prova a rassicurare i suoi utenti.

Caos, panico, apocalisse da social. Dopo il complottismo da Covid si è scatenato quello contro WhatsApp, e negli ultimi giorni la piattaforma ha registrato un esodo di massa. Molti infatti hanno abbandonato l’app per trasferirsi su Telegram e Signal, costringendo quindi i vertici di Facebook a fare chiarezza sulla questione privacy e nuovi termini di utilizzo.

WhatsApp fa chiarezza

Era doveroso da parte di Whatsapp replicare alle accuse che sono state mosse in questi giorni, ma del resto se si leggeva con spirito critico quel che l’informativa rivelava si sarebbe giunti alle medesime considerazioni senza questa precisazione. Ad ogni modo, come avevamo già detto in precedenza, WhatsApp e Facebook si scambieranno soltanto i dati degli utenti Business, ovvero le preferenze degli utenti in merito agli acquisti fatti in chat.

Naturalmente, non verrà mai spiata la chat stessa, né tra contatti privati, né quella tra utenti, ma è del tutto normale che alcune informazioni non private vengano scambiate tra le due piattaforme, visto che appunto WhatsApp e Facebook appartengono al medesimo gruppo aziendale. Detto questo, ecco di seguito la risposta che WhatsApp è stata costretta a dare dopo che mezza Italia si è spaventata interpretando male le intenzioni dell’app. Per tutte le altre info e FAQ vi invitiamo a consultare la pagina ufficiale:

“Precisazioni relative all’Informativa sulla privacy di WhatsApp

In seguito all’aggiornamento della nostra Informativa sulla privacy, abbiamo ricevuto numerose domande alle quali desideriamo rispondere per fare chiarezza ed evitare che continuino a circolare informazioni errate e non veritiere. Ci impegniamo sempre al massimo per far sì che WhatsApp continui ad aiutare la gente a comunicare in modo privato.

È importante precisare che l’aggiornamento dell’informativa NON riguarda in alcun modo la privacy dei messaggi che scambi con amici e familiari. Questo aggiornamento include invece modifiche che riguardano lo scambio, del tutto facoltativo, di messaggi con le aziende che usano WhatsApp e fornisce maggiore trasparenza sulle nostre modalità di raccolta e utilizzo dei dati”.

Potrebbe interessarti anche Signal o Telegram, quale scegliere al posto di WhatsApp?

Argomenti: ,