WhatsApp dà l’ok per l’invio di denaro, ma non sarà troppo rischioso?

Dubbi e perplessità sulla prossima funzione di WhatsApp che permetterà di inviare pagamento in chat, non è un rischio con i tanti hacker?

di , pubblicato il
Dubbi e perplessità sulla prossima funzione di WhatsApp che permetterà di inviare pagamento in chat, non è un rischio con i tanti hacker?

Una nuova grande funzione è in arrivo su WhatsApp, al momento la versione beta del progetto riguarda solo l’India, ma presto potrebbe sbarcare anche in Europa e naturalmente anche da noi in Italia. Stiamo parlando della possibilità di inviare denaro con la stessa app, un sistema quindi che consentirebbe i pagamenti in chat, ma i più maliziosi già tremano.

WhatsApp, in Italia sarà un rischio?

Siamo il paese dei poeti, dei santi e dei navigatori. Nell’era moderna siamo diventati anche il paese degli aspiranti allenatori, sempre pronti a commentare le partite viste in tv (con competenza o presunta tale), ma siamo anche famosi al mondo per essere dei furbetti non da poco. In Italia la truffa è all’ordine del giorno, e negli ultimi tempi WhatsApp è diventato strumento tra i più graditi dai malintenzionati. Siamo quindi proprio sicuri che sia una buona idea avviare una funzione del genere su una app tanto a rischio?

Leggi anche: Galaxy X, Samsung rischia di fare un grosso sbaglio con lo smartphone pieghevole

Il sistema di pagamento con WhatsApp funziona innanzitutto abbinando il proprio numero di telefono ad un conto bancario attivo, va da sé che l’account WhatsApp dovrà essere associato allo stesso numero telefonico. Insomma, la procedura di base appare molto semplice e non necessità di troppe spiegazioni, anche se poi vedremo come realmente l’azienda vorrà impostare la cosa anche da noi in Europa, almeno per quanto riguarda l’interfaccia utente.

WhatsApp, niente rischi dunque?

Ad ogni modo, l’home banking non è certo cosa sconosciuta da noi in Italia, ormai gli smartphone sono ricchi di sistemi di protezione, dallo scanner dell’iride al riconoscimento facciale, ma a volte basta anche un semplice pin. Restano comunque forti le perplessità di coloro che proprio per questo motivo non vogliono gravare i propri dati di una nuova app che possa rubarli. In sintesi, coloro che fanno spesso operazioni e acquisti online potrebbero trovare poco idoneo avere questo ingombrante WhatsApp che potenzialmente potrebbe ospitare hacker in grado di risalire al proprio conto tramite l’app stessa.

Speriamo di essere smentiti con le ulteriori news che ne seguiranno nei prossimi giorni.

Leggi anche: “Smartphone Huawei e ZTE, non comprateli”, l’allarme arriva dagli USA

Argomenti: ,