WhatsApp dice basta alle catene di Sant’Antonio con l’algoritmo intelligente

Nuovo aggiornamento di WhatsApp in arrivo, tra le novità apportate c'è l'algoritmo intelligente che dice basta alle fake news e catene di Sant'Antonio.

di , pubblicato il
Nuovo aggiornamento di WhatsApp in arrivo, tra le novità apportate c'è l'algoritmo intelligente che dice basta alle fake news e catene di Sant'Antonio.

Ancora una volta l’aggiornamento di WhatsApp promette grandi cose. Una delle piaghe dell’app più famosa al mondo sono le catene di Sant’Antonio, spesso accompagnate da fake news, ma non sempre. Ad ogni modo, questi messaggi a ripetizione sono totalmente inutili e il più delle volte sono delle vere e proprie truffe, con tanto di link pericolosi al seguito.

WhatsApp contro le catene di Sant’Antonio

Se lo scopo del messaggio è quello di farvi cliccare il link, già abbiamo detto tanto volte di non cascarci, cancellare il messaggio incriminato e segnalare anche il mittente della chat. Al di là delle intenzioni truffaldine comunque, queste catene sono proprio insopportabili, ecco quindi che WhatsApp ha deciso di rilasciare con il nuovo aggiornamento una funzione che riesce a bloccarle sul nascere, senza intasare inutilmente le chat degli utenti.

Potrebbe interessarti anche: OnePlus 6, nome non confermato, ma il prezzo non è più un mistero

L’algoritmo di WhatsApp parrebbe ora in grado di raggruppare messaggi uguali tra loro e condivisi spesso dagli utenti, per poi selezionare e bandire i messaggi non graditi o pericolosi. L’app quindi diventa anti spam, ma non tutti sono convinti che il sistema sarà in grado di riconoscere davvero le notizie spam, c’è infatti chi teme che possa correre il rischio di eliminare anche quelle potenzialmente virali.

Ad ogni modo, l’intenzione è buona e ciò non toglie che possa essere perfezionata in futuro, qualora dovesse in questo momento rivelarsi davvero fallace. Intanto, sempre con questo nuovo aggiornamento in arrivo, WhatsApp si prepara anche ad altre due novità, una relativa alle note vocali, permettendo di ascoltare cosa abbiamo registrato prima di premere invio, l’altra relativa alle gif, con un nuovo sistema di raggruppamento, più facile da individuare.

Potrebbe interessarti anche: Torino capitale dell’auto, iniziano anche in Italia i test a guida autonoma

Argomenti: ,