Usi lo smartphone mentre sei alla guida? Questi cartelli stradali hi tech ti scoprono

Basta usare lo smartphone mentre si è al volante, ora arrivano i cartelli stradali hi tech che rivelano l'infrazione.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Basta usare lo smartphone mentre si è al volante, ora arrivano i cartelli stradali hi tech che rivelano l'infrazione.

Usare lo smartphone mentre si è al volante è pericolosissimo. Per telefonare esistono tante applicazioni sia Apple che Android che permettono di effettuare telefonate sotto la supervisione di un assistente virtuale. Non tutti però dispongono di tali tecnologie aggiornate, o forse nemmeno lo sanno. Altri invece le ignorano deliberatamente, e oltre a parlare, finiscono addirittura per chattare mentre si è alla guida della propria auto.

Cartelloni stradali hi tech

Per questi criminali la patente andrebbe ritirata e mai più restituita. Ma poiché il fenomeno è decisamente complicato da decifrare, e anche da rilevare, ecco che la tecnologia accorre in nostro aiuto. La contea di Norfolk, vicino Londra, sta testando su strada un nuovo sistema che lampeggia quando rileva che un conducente sta usando il telefono alla guida. Nel Regno Unito un sondaggio ha rivelato che è addirittura il 26% dei cittadini ad utilizzare di tanto in tanto lo smartphone mentre guida.

Potrebbe interessarti anche: World Emoji Day, i numeri della deriva celebrata ieri con grande giubilo

Numeri inquietanti che ci fanno capire come siamo inclini ad aggirare le leggi e le regole base del vivere civile, se non corriamo alcun rischio. Il cardine base sul quale si poggia infatti questa trasgressione è che è sostanzialmente difficilissimo se non impossibile che il trasgressore venga scoperto. Deve solo essere pizzicato sul fatto da un vigile. Con i nuovi cartelli stradali hi tech però tutto potrebbe cambiare.

Il sistema funziona tramite uno scanner in grado di rilevare i segnali radio emessi da un telefono cellulare durante una chiamata. Al momento però tale tecnologia non è esente da critiche, innanzitutto perché non è in grado di stabilire se la chiamata la sta effettuando chi guida o un semplice passeggero, inoltre non è in grado di rilevare il segnale dei dati mobile, e chattare è molto più pericoloso di una chiamata vocale. Insomma, progetto decisamente rivedibile e assolutamente da migliorare, ma l’idea è davvero buona.

Potrebbe interessarti anche: WhatsApp, la truffa da 1,99 euro colpisce tutti gli operatori

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nessuno

I commenti sono chiusi.