Uno smartphone da 27 chili: ecco gli effetti della smartphone-dipendenza

Uno smartphone può pesare come un bambino di otto anni se lo si utilizza assumendo una postura scorretta: ecco le complicazioni e gli effetti gravi che potrebbe apportare al nostro fisico un semplice dispositivo mobile.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Uno smartphone può pesare come un bambino di otto anni se lo si utilizza assumendo una postura scorretta: ecco le complicazioni e gli effetti gravi che potrebbe apportare al nostro fisico un semplice dispositivo mobile.

Uno smartphone pesa come un bambino di 8 anni sulle spalle nel tempo: è quanto ha rivelato una ricerca americana condotta dagli studiosi del New York Spine Surgery and Rehabilitation Medicine, coordinati dal responsabile Kenneth Hansraj. Cervicale e mal di schiena sono gli effetti che provoca la nostra postura quando restiamo incollati allo smartphone, per chattare, mandare messaggi, giocare, utilizzare applicazioni. Essendo divenuto lo smartphone un piccolo computer, la normale e semplice conversazione è infatti diventata un optional. La maggior parte delle azioni che compiamo sul nostro fidato amico tecnologico ci portano ad assumere una posizione scorretta che potrebbe avere gravi conseguenze sul nostro fisico.  

A ogni inclinazione corrisponde un peso effettivo

La ricerca ha rivelato come la persona che guarda uno smartphone possa far assumere al collo diverse inclinazioni, ciascuna delle quali corrisponde a un peso effettivo:

  • Inclinazione di 15 gradi: 12 kg;
  • Inclinazione di 30 gradi: 18 kg;
  • Inclinazione di 45 gradi: 22 kg;
  • Inclinazione di 60 gradi: 27 kg.

  Le stime hanno analizzato la media di ore che utilizziamo sul proprio smartphone provocando una conseguente posizione scorretta: si va da un minimo di 730 a un massimo di 1460 ore nell’arco di un anno, un considerevole lasso di tempo nel quale si porta un “peso” immaginario che potrebbe provocare danni considerevoli alla colonna vertebrale.  

Come evitare problemi alla cervicale e alla schiena quando utilizziamo lo smartphone

Ovviamente tutto ciò può essere evitato in un solo modo, come afferma peraltro lo stesso Hansraj: è sufficiente assumere una posizione corretta mentre utilizziamo il nostro smartphone, “neutra e non tesa“, con le “orecchie allineate alle spalle” per non avere effetti negativi sul proprio fisico a lungo andare. Nessuna tecnica complessa, giusto un consiglio evergreen e semplicissimo da seguire e che dovrebbe riguardare qualsiasi posizione assumiamo davanti a un dispositivo tecnologico, come la posizione davanti al computer durante le ore di lavoro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Smartphone

I commenti sono chiusi.