Tutti pazzi per il Google Doodle di oggi, il gioco che celebra lo swing

Divertentissimo doodle di oggi per Google, si celebra lo swing.

di , pubblicato il
Google doodle

Tutti pazzi per il doodle di oggi, Google infatti celebra lo swing e il Savoy Ballroom con un gioco davvero simpatico che sta facendo divertire un po’ tutti gli internauti, dai grandi ai piccini. Ma vediamo di cosa si tratta.

Google Doodle celebra lo swing

Andando sul motore di ricerca di Big G e cliccando sul doodle di oggi si viene catapultati in un gioco che celebra lo swing. Avete presenti quei giochi alla Rock Band e Guitar Hero? Oggi sono passati un po’ di moda, ma fino a una decina di anni fa spopolavano sulle console di Xbox e PlayStation. Ebbene, in questo caso bisogna cliccare a tempo i tasto J-K-F-D nella sequenza che naturalmente appare nello schermo. È possibile fare il gioco anche con il mouse, ma in questo caso riuscire a raggiungere gli spazi delineati dalle lettere è molto più complicato.

Le prove sono tre, si parte dal primo brano che è Let’s Call the Whole Thing Off di Louis Armstrong ed Ella Fitzgerald. Al termine di esso ci viene spiegato cos’è il Savoy Ballroom. Si tratta di una leggendaria sala di ballo nota come The home of happy feet, appunto la casa dei piedi felici, un modo di dire anglofono per indicare coloro che amano ballare.

Il secondo brano è Solid as a Rock di Ella Fitzgerald. La successiva nota riguardante il Savoy Ballroom ci dice che ha aperto nel mese di marzo del 1926 ad Harlem, New York. In questo caso la difficoltà sta non solo nel riuscire ad andare a tempo, ma anche a cogliere con precisione le rispettive lettere indicate, in quanto la nota che fa da indicatore fa gli scherzetti e le finte, cercando appunto di confondere il giocatore.

Si passa infine al terzo brano che è Bei Mir List Du Schoen cantata da Janis Siegel. L’ultima nota storica ci dice che il Savoy all’epoca era uno dei pochi posti che consentiva l’ingresso di persone di ogni gruppo etnico. Facile a questo punto capire che l’omaggio del doodle di Google non è solo allo swing, ma anzi esso è un pretesto per ricordare la lotta al razzismo e ai pregiudizi legati ad esso. Tornado al gioco, questo terzo brano è semplicemente impossibile, poiché a un certo punto le note nel finale di raddoppiano, bisogna quindi colpirne due in contemporanea, e naturalmente la velocità si fa col tempo sempre più accelerata. Insomma, si tratta di un gioco che sta divertendo davvero tanti utenti.

Potrebbe interessarti anche Netflix pensa al mondo dei videogame, arriveranno i giochi in piattaforma?

Argomenti: