Truffe online, Nespresso regala macchina del Caffè, all’erta della PolPost

Nuova truffa online, stavolta promettono di regalarvi una macchina del Caffè Nespresso.

di , pubblicato il
Nuova truffa online, stavolta promettono di regalarvi una macchina del Caffè Nespresso.

La minaccia delle truffe online è sempre dietro l’angolo, stavolta la polizia postale ci segnala una nuova truffa riguardante una falsa promozione commerciale riguardante il Caffè Nespresso.

Truffe online

Macchina del caffè Nespresso in regalo con questa promozione online. Bello, no? No! Per niente, visto che si tratta della solita fastidiosissima e pericolosa truffa online. L’allerta viene lanciata direttamente dalla Polizia Postale che attraverso la sua pagina Facebook Commissariato di PS On Line mette in guardia gli internauti dai rischi della nuova minaccia apparsa in questi giorni sul web.

Questo il messaggio della PolPost: “Sta circolando attraverso piattaforme social una falsa promozione attribuita alla Nespresso del gruppo Nestlé, secondo la quale verrebbe regalata la macchina del caffé e le cialde del prestigioso marchio.

La falsa notizia è particolarmente ingannevole in quanto, per avvalorare la notizia, utilizza l’immagine dell’Azienda per confondere il consumatore sulla veridicità e sulla provenienza dell’informazione.

La Nestlé, (proprietaria del marchio) che ha presentato formale denuncia alle Forze di Polizia, ha disconosciuto tale attività truffaldina invitando tutti i consumatori a consultare esclusivamente il proprio sito www.nespresso.com

Ricordiamo sempre di non cliccare MAI sui link che arrivano, anche dagli amici, ma digitarli dalla barra delle URL del sito ufficiale della società titolare del marchio.”.

Null’altro da aggiungere, dunque, il messaggio dice già tutto. Scopo dei malfattori naturalmente è sempre il solito, ovvero riuscire ad accaparrarsi i vostri dati personali. Massima attenzione quindi a tutto ciò che ricevete via mail, via SMS e social, e in caso di dubbi consultare sempre il sito ufficiale per un riscontro.

Potrebbe interessarti anche Dati rubati a 73 milioni di utenti, il bottino finisce nel famigerato Dark Web

Argomenti: ,