WhatsApp diventa rosa, ma è solo una truffa per rubare i vostri soldi

Attenzione alla nuova truffa che spunta su WhatsApp.

di , pubblicato il
truffa WhatsApp pink

I furbetti del web se ne sono inventati un’altra, arriva la truffa di WhatsApp Pink, la finta applicazione che trasformerebbe l’app donandone un eccentrico colore rosa. Andiamo a scoprire di cosa si tratta e vediamo cosa si può fare per evitare il peggio.

WhatsApp Pink, nuova truffa

Una nuova truffa online, come difendersi da WhatsApp Pink? Innanzitutto, scopriamo insieme di cosa si tratta. Di recente sta spuntando sui social e sulla chat di WhatsApp stessa un link che invita gli utenti a cliccare al fine di scaricare l’aggiornamento in esso contenuto che consentirebbe di rendere la chat rosa. L’upgrade si preannuncia come assolutamente gratuito con la dicitura free, e mostra una serie di leak della nuova grafica aggiornata.

Ovviamente, come già anticipato, si tratta di un falso, una truffa che punta ad entrare nel vostro smartphone per secondi fini. Gli esperti hanno infatti sacrificato un telefonino per scoprire cosa realmente fa questo virus. Nel link infatti è presente una finta applicazione APK che si nasconde immediatamente nei meandri dello smartphone una volta scaricata, e può crearvi notevoli problemi.

Truffa WhatsApp rosa

Su twitter, l’esperto Rajshekhar Rajaharia ha illustrato i problemi che questa finta app potrebbe causare mettendo in guardia gli utenti. Ma soprattutto ha spiegato come fare per difendersi se qualche utente dovesse per errore cliccare sul link e scaricare effettivamente l’app contenente il pericoloso virus. Vediamo quindi ora come si fa per evitare il peggio.

Innanzitutto, bisogna disinstallare immediatamente l’app scaricata. Se l’icona non fosse visibile, bisogna cercarla andando in Impostazioni, poi Applicazioni e infine Tutte le Applicazioni. Dopo l’eliminazione sarà necessario scollegare tutti i dispositivi collegati a WhatsApp Web.

A questo punto è consigliabile svuotare la cache del proprio browser, controllare i permessi delle altre applicazioni istallate e revocare immediatamente eventuali permessi sospetti, poiché lo scopo di queste app APK è proprio quello di affibbiarvi qualcosa di indesiderato.

Potrebbe interessarti anche Immuni passaporto vaccinale, la nuova trovata del ministro Colao

Argomenti: ,