Truffa senza precedenti per pubblicità online, sfruttavano milioni di pc

Truffe online, mostruoso botnet che riusciva a generare fino a 12 miliardi di click è stato debellato dal web.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Truffe online, mostruoso botnet che riusciva a generare fino a 12 miliardi di click è stato debellato dal web.

Le forze dell’ordine in collaborazione con società di sicurezza ed aziende IT, sono riusciti in questi giorni a smantellare un gruppo di cyber criminali che aveva messo su un impero economico grazie alla frode pubblicitaria.

Truffa pubblicitaria online, smantellata banda

Si chiama 3ve il gruppo di cyber criminali che era riuscito ad ottenere miliardi di click sulle pubblicità presenti sulle pagine online. I botnet di 3ve erano riusciti ad aggirare i sistemi di controllo che regolano le pubblicità online. Per farlo hanno usato dispositivi compromessi riferibili a un milione di differenti indirizzi IP, usando oltre 60.000 account per la vendita di pubblicità e più di 10.000 siti contraffatti. Secondo i ricercatori, il sistema generato da questa botnet sarebbe stato in grado nei momenti di picco di arrivare fino a 12 miliardi di click fraudolenti.

Potrebbe interessarti anche: Truffa Google Maps, criminali cambiano numero telefonico delle vostre banche

Numeri mostruosi che fanno di 3ve la più grande frode pubblicità online mai realizzata, oltre che la più sofisticata e complessa. Naturalmente, nell’arsenale dei criminali anche due malware, Boaxxe/Miuref e Kovter, fondamentali per compromettere i computer e mettere fuori uso gli antivirus, così da avere terreno fertile nell’aggiramento dei controlli. Alla fine però, dopo lunghi mesi di lavoro e ricerche, la Polizia è riuscita ad avere la meglio, grazie naturalmente all’aiuto di ben 15 aziende che hanno deciso di aiutare nelle indagini.

Quella smantellata, secondo gli esperti e addetti ai lavori, è una delle più grandi bande di criminali del web, si tratta quindi di una delle più grandi truffe nella storia di internet, Giustificato quindi il grande entusiasmo delle forze dell’ordine e di Google stesso nel comunicare la notizia.

Potrebbe interessarti anche: Facebook censura le parole offensive, nuova funzione in arrivo sul social

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie, Sicurezza