Truffa Poste Italiane, arriva il nuovo SMS che svuota il vostro conto corrente

Ancora paura per nuova truffa Poste Italiane, stavolta c'è una serie di SMS.

di , pubblicato il
truffa poste italiane

Non c’è pace per coloro che lottano contro le truffe online, stavolta arriva la truffa delle Poste Italiane, o meglio dei cyber criminali che cercano di sfruttare il nome dell’azienda per svuotare il conto corrente delle vittime. Attenzione agli SMS pericolosi.

Truffa Poste Italiane, SMS svuota conto

Il mondo del web sta diventando sempre più pericoloso, i meandri dell’universo online si stanno facendo qualcosa di incredibilmente ostico da attraversare. Non solo l’internet però è un luogo oscuro e crudele, con criminali subito pronti ad approfittare, ma anche la vecchia rete GMS, quella che comunemente viene ancora usata per l’invio di SMS (anche se non è escluso l’utilizzo di ulteriori standard telefonici). Insomma, i criminali sono dappertutto, e bisogna prestare la massima attenzione, sempre.

Cosa sta succedendo quindi con la truffa delle Poste Italiane? Naturalmente, in questo caso i cyber criminali si spacciano per la nota azienda statale e provano a rubare le informazioni della vittima. Per farlo inviano un SMS affermando che ci sono problemi con il conto. Per la precisione lamentano un malfunzionamento al conto Bancoposta e inviano un link da cliccare per risolvere la problematica. Ed ecco che scatta la trappola.

Truffa Poste Italiane, come difendersi?

Una volta cliccato sul link, si finirà con l’essere dirottati su un sito web che riprodurrà quello delle poste Ufficiali. Qui vi verrà quindi chiesto di inserire i vostri dati e in pochi click il vostro conto con le Poste Italiane verrà completamente svuotato. Insomma, è assolutamente consigliato ignorare tali messaggi, gli stessi istituti di credito tutti ricordano che mai chiederanno dati ai propri clienti tramite SMS o mail, quindi chi vi avanza tali pretese è sempre un malintenzionato.

Potrebbe interessarti anche Canone Rai per smartphone e tablet, ecco perché non si può fare

Argomenti: ,