Truffa Agenzia delle Entrate, la finta mail che ruba i dati

Nuova truffa online, arriva la finta mail dell'Agenzia delle Entrate. Maze ruba dati dal PC.

di , pubblicato il
Nuova truffa online, arriva la finta mail dell'Agenzia delle Entrate. Maze ruba dati dal PC.

E ci mancava anche Maze, la nuova truffa che sta correndo online tramite posta elettronica. I truffatori si spacciano per l’Agenzia delle Entrate, allo scopo di rubare tutti i dati dal vostro device.

Maze, truffa Agenzia delle Entrate

Una fake mail davvero da brivido preparata dai cyber criminali questa volta.

Basta scaricare il contenuto di questa mail sul dispositivo, e a quel punto Maze fa il lavoro sporco e ruba tutti i dati presenti sullo stesso. Ad ingannarci sono gli indirizzi del mittente, se però prima di cascarci le vittime facessero le dovute verifiche, si accorgerebbero che si tratta di un fake. Gli indirizzi di provenienza possono essere: agenziaentrateinformazioni.icu, agenziaentrate.icu e agenziainformazioni.icu, nessuno dei quali legato veramente all’Agenzia delle Entrate.

Naturalmente, la truffa continua anche al suo interno con un’operazione di clonazione abbastanza credibile. Aprendo infatti la mail troviamo i loghi e il layout dell’Agenzia delle Entrate, e siamo quindi a credere erroneamente che siano davvero loro, i poco simpatici controllori delle tasse e dei redditi. E invece no, peggio ancora, sono dei truffatori che presentano un allegato davvero sospetto, vero pericolo della mail.

L’alegato in questione è un file docx denominato Verdi. Se la vittima fa l’errore di aprire e scaricare il file, a quel punto di installa Maze. Si tratta di un software, per la precisione un ransomwarem che assume il controllo del PC e può impossessarsi di tutti i dati al suo interno. I criminali forniscono poi tutte le info successivamente per sbloccare il software tramite pagamento. Gli hacker, quindi, ricattano la vittima promettendo di risolvere il problema in cambio di soldi, ma naturalmente tale promessa non è affatto sicura. Vi consigliamo quindi di effettuare periodicamente backup dei vostri dati per evitare di finire in tali ricatti, e naturalmente di prestare la massima attenzione quando ricevete messaggi e mail sospette.

Potrebbe interessarti anche 8 app da rimuovere subito dal vostro smartphone Android, ecco quali

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.