Telegram Messenger: ecco l’alternativa a WhatsApp made in Facebook

Telegram Messenger raggiunge la cifra record di 4 milioni di nuovi utenti iscritti nel giro di sole 18 ore. Il suo segreto? La privacy e l'autodistruzione dei messaggi. Eccola la vera alternativa al WhatsApp made in Facebook.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Telegram Messenger raggiunge la cifra record di 4 milioni di nuovi utenti iscritti nel giro di sole 18 ore. Il suo segreto? La privacy e l'autodistruzione dei messaggi. Eccola la vera alternativa al WhatsApp made in Facebook.

4 milioni di utenti in appena 18 ore: numeri da capogiro per Telegram Messenger, validissima alternativa al WhatsApp appena acquistato da Facebook, soprattutto in termini di riservatezza e sicurezza. Il servizio di messaggistica consentirà infatti di scambiarsi chat crpitate e dunque assolutamente private. Uno smacco alla vena “spionistica” di Zuckerberg & co. che hanno comunque rassicurato tutti al MWC 2014. Telegram Messenger è un servizio gratuito (e che resterà tale) e privo di pubblicità, fondato da due fratelli russi e si appresta a diventare un concorrente decisamente temibile dei vari WhatsApp, WeChat, Viber e compagnia. 

 

LEGGI ANCHE

Facebook batte Google nella rincorsa a WhatsApp: cosa cambierà adesso?

 

Telegram Messenger: come funziona?

Il funzionamento di Telegram è molto semplice: sarà necessario iscriversi, inserire il proprio numero di telefono e attivare il servizio attraverso il codice inviato per SMS. Non ci sono pubblicità ed è totalmente gratuito, ma la novità più rivoluzionaria è un’altra: attraverso una particolare opzione i messaggi comunicati via chat si diffondono tramite i server sparsi nel mondo per poi autodistruggersi dopo qualche minuto, senza lasciare alcuna traccia. 

Una vera e propria manna dal cielo per i fissati della privacy (ma anche per i criminali). 

 

Telegram Messenger: le ragioni di un successo record in poche ore

Fino a poco tempo su Telegram si contavano 100mila iscritti al giorno. Dopo l’acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook, invece, se ne sono annoverati 4 milioni nel giro di soli 18 ore: neppure un giorno intero. 

Un po’ per ripicca alle “mani sulla messaggistica e sul mobile” da parte di Zuckerberg, un po’ per il suo indiscusso valore aggiunto (il potere della privacy), Telegram Messenger sta riscuotendo un successo indiscutibile a livello di popolarità e sta raggiungendo rapidamente le posizioni più elevate della classifica delle applicazioni più scaricate sui device Android. 

Telegram rischia davvero di mettere in pericolo la sovranità di WhatsApp o è solo un momentaneo fuoco di paglia? La parola passa a voi. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Applicazioni e Giochi