Telecomunicazioni italiane a rischio sicurezza: privacy in pericolo?

Si apre un altro capitolo sulla privacy e sulla sicurezza e stavolta riguarda il sistema di telecomunicazioni italiano. La grave falla colpisce gli Internet Exchange Point e i loro sistemi di sicurezza. La privacy degli utenti è di nuovo minacciata?

di Daniele Sforza, pubblicato il
Si apre un altro capitolo sulla privacy e sulla sicurezza e stavolta riguarda il sistema di telecomunicazioni italiano. La grave falla colpisce gli Internet Exchange Point e i loro sistemi di sicurezza. La privacy degli utenti è di nuovo minacciata?

Se c’è una cosa che il Datagate ha insegnato a tutti è che la nostra privacy è costantemente in pericolo: fu proprio questo scandalo a far partire un report da parte del Dipartimento attività ispettive dell’Autorità Garante per la Privacy, report che oggi è sul tavolo della presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per lo Sviluppo Economico, dell’Interno e su quello del sottosegretario all’Intelligence Marco Minniti. A riportare la notizia è stato il quotidiano La Repubblica: le telecomunicazioni italiane sono a forte rischio sicurezza, e con ciò si vuole intendere che tutto quello che utilizziamo per comunicare oggi (dagli SMS alle chiamate mobile, dalle conversazioni telefoniche ai post pubblicati sui social network) giace su una falla alquanto pericolosa che minaccia la nostra privacy. Insomma, fondamentalmente nulla di nuovo sul fronte occidentale.   TI POTREBBE INTERESSARE Le 10 regole del Garante Privacy per la sicurezza online durante le vacanze estive  

Quale pericolo per le telecomunicazioni italiane?

Inutile fare esagerati allarmismi, ma anche sottovalutare la problematica potrebbe essere rischioso. Il problema non è di quelli piccoli e riguarda sostanzialmente gli Internet Exchange Point (IXP), che sono delle infrastrutture necessarie per il trasferimento dei dati, e dei sistemi di sicurezza incaricati di proteggerli. Gli IXP sono in parole povere dei luoghi reali pieni di cavi fondamentali per il trasporto dei dati degli utenti e per il loro smistamento nella rete e in Italia ce ne sono 9, tra cui a Milano, Torino e Roma. Quindi, se l’utente abbonato a un operatore vuole visitare un sito ospitato su un server di un altro operatore i suoi dati devono necessariamente essere trasportati dagli IXP. Ma qual è il problema che mette in pericolo il nostro sistema di telecomunicazione? A quanto riporta il Garante il problema sarebbe da addurre a “funzionalità tecniche che possono permettere di replicare in tempo reale il traffico in transito dirottando il flusso replicato verso un’altra porta“, oltre all’individuazione di diverse falle critiche “sulle misure di sicurezza logiche e fisiche adottate dalle società nella gestione dei loro sistemi“. In quali termini la nostra privacy viene minacciata? Sempre citando La Repubblica si legge che “si tratta di strutture nevralgiche nel sistema di comunicazioni elettroniche del Paese poiché attraverso questi nodi di interscambio passano enormi flussi di traffico riguardante le comunicazioni degli abbonati e degli utenti dei principali operatori nazionali” (Telecom, Fastweb, Vodafone, etc.). Ovviamente l’eventuale pericolo non coinvolgerebbe solamente gli utenti privati, ma anche le aziende e le pubbliche amministrazioni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Sicurezza