Tanti auguri, Twitter: 10 anni di cinguettii in 140 caratteri

Twitter festeggia 10 anni di vita, tra promesse di cambiamento, rivoluzioni in corso e altre novità, ma l'obiettivo resta sempre quello: guadagnare di più.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Twitter festeggia 10 anni di vita, tra promesse di cambiamento, rivoluzioni in corso e altre novità, ma l'obiettivo resta sempre quello: guadagnare di più.

Sono passati 10 anni da quel lontano 21 marzo del 2006, 10 anni che potrebbero sembrare davvero molto pochi sulla carta, ma come ben saprete il tempo tecnologico assume strane pieghe nello spazio-tempo. Cosa vogliamo dire? 10 anni fa internet era ancora un luogo dove si poteva recarsi per informarsi, l’egocentrismo e il narcisismo da social network era fantascienza e i forum avevano un grosso potere, mentre a oggi su internet cercare un’informazione corretta è un’impresa, i social network sono diventati l’anticamera del nostro camerino e… insomma, molte cose sono cambiate. Ma 10 anni fa nasceva Twitter, il social network – o la piattaforma di microblogging – da 140 caratteri, il futuro del giornalismo e delle anticipazioni, stringate al massimo, per consentire di visualizzare un evento o sentirne il racconto – sempre in sintesi – prima di tutti. Oggi Twitter non naviga in acque calme, ha bisogno di introiti e i suoi esperimenti non hanno funzionato un granché. Nonostante la sua popolarità, insomma, Twitter ha bisogno di soldi e questo porterà Jack Dorsey a cambiare un pochino il social, a partire dalla timeline, che è già mutata ma in un primo momento a discrezione degli utenti.   Sul blog ufficiale della piattaforma, i vertici di Twitter hanno voluto ringraziare tutti gli utenti iscritti: “Durante questi anni avete reso Twitter quello che è oggi e state dando forma a quello che sarà in futuro. Grazie per aver scritto la storia, guidato i cambiamenti, esservi supportati a vicenda e aver riso tutti insieme ogni giorno”. Twitter nacque certamente come un social network molto particolare e singolare, qualcosa che non era mai stato concepito prima, e che poneva le basi per il futuro giornalismo in tempo reale, immediato e impulsivo, così come sono oggi le informazioni che corrono sul filo precario della rete.   [tweet_box design=”box_09″ float=”none”]10 anni di #Twitter tra promesse di cambiamento e rivoluzioni in corso #LoveTwitter[/tweet_box]   A oggi Twitter ha davanti a sé un sacco di sfide da intraprendere per aumentare quegli introiti che potrebbero indurlo a cambiare fisionomia e, soprattutto, filosofia. Ad esempio, circolava da tempo la notizia che Twitter avrebbe allungato il limite dei caratteri sulla piattaforma: oltre i consueti 140 un link avrebbe indirizzato al tweet in originale, non più imprigionato nella gabbia della sintesi. Tuttavia, proprio su quest’ultimo punto, Jack Dorsey ha voluto dissipare qualche dubbio e lo ha fatto concedendosi in un’intervista su The Today Show, nella quale ha affermato: “Il limite dei 140 caratteri resta. E’ un vincolo che ha un senso per noi: dà l’idea dell’istantaneità del momento”. Sarà davvero così? La maggior parte degli utenti di Twitter lo spera, anche perché come potrebbe l’estensione di questo limite attirare tutti quegli utenti che a Twitter non si sono iscritti? Lasciamo a loro altri social come Facebook o Google Plus, dove potranno sfogare tutta la loro logorrea.   Scherzi a parte, risulta davvero difficile credere che Twitter non cambierà nei prossimi anni: la timeline, finora in ordine cronologico, ha cambiato le sue priorità, prediligendo l’ordine per rilevanza, una modifica che ormai è diventata recentemente di default, facendo arrabbiare un sacco di utenti. D’ora in avanti, quindi, nel flusso di cinguettii avremo sempre i tweet ordinati per rilevanza e non più in ordine cronologico. Ed è così che uno dei capisaldi di Twitter va a farsi benedire: come faremo adesso a sapere una ultima ora su un determinato avvenimento prima degli altri se prima dovremmo leggere i cinguettii più popolari dei nostro following?   Bando alle chiacchiere, oggi non è certo il momento di polemizzare: Twitter compie 10 anni, e non possiamo fare altro che augurargli altri 10 anni di popolarità alle stelle. Chiedergli di non cambiare mai, invece, questo no, non è proprio possibile.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Notizie, novità Twitter, Social Network