Stonex One è in vendita, anzi no: ecco perché

Le vendite di Stonex One sono state temporaneamente bloccate: Francesco Facchinetti e Davide Erba ci spiegano il perché in un comunicato.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Le vendite di Stonex One sono state temporaneamente bloccate: Francesco Facchinetti e Davide Erba ci spiegano il perché in un comunicato.

Forse nessuno ci avrebbe scommesso un euro, ma a quanto pare Stonex One, lo smartphone Android made in Italy, ha fatto breccia nel cuore di molti. Sarà grazie all’italianità del progetto, o forse per il prezzo low-cost rapportato a specifiche tecniche interessanti, o forse ancora alla strategia di marketing adottata soprattutto sul web grazie alla verve di Francesco Facchinetti. E così ieri sembrava  il gran giorno, ovvero quello in cui le vendite di Stonex One si sarebbero aperte a tutti, con 300 esemplari acquistabili ogni giorno dalle ore 12 fino a esaurimento scorte. La favola però è terminata presto e le vendite sono state già bloccate. E la rabbia dei fan che hanno seguito il progetto e che non vedevano l’ora di mettere le mani su questo nuovo smartphone è montata sulla rete e sui social network in particolare, facendo perdere un poco di credibilità al progetto. Facchinetti ha voluto spiegare questo cambio di rotta in un comunicato stampa.   Stonex One avrebbe dovuto cominciare a essere venduto dalla giornata di ieri: 300 esemplari disponibili quotidianamente, acquistabili dalle ore 12 fino a esaurimento scorte a 299 euro, con le prime spedizioni che sarebbero partite dal 1° agosto e con tempi di consegna classici: 2-3 giorni lavorativi. Eppure tutto è cambiato nel giro di poche ore, visto che, almeno momentaneamente, le vendite di Stonex One sono state bloccate. Francesco Facchinetti e Davide Erba si sono voluti scusare con i loro fan e con chi presagiva di avere lo Stonex One ad agosto spiegando i motivi dell’accaduto.  

Ciao a tutti Breakers, chi parla qua è Francesco e Davide. Come vi abbiamo già detto, ci siamo riuniti per capire come procedere di fronte a quello che è accaduto oggi. Abbiamo appena finito di leggere tutti i numeri dello #StonexDay e vi garantisco, anche se alcuni di voi sono incavolati neri, che sono STRAORDINARI. Sono arrivati sul NOSTRO sito più di 100 mila persone con un possibile tasso di conversione che poteva tranquillamente assicurarci la vendita di 10 mila #StonexOne in poche ore.

  Ragion per cui la giustificata rabbia dei fan. Ma dopo gli entusiasmi, ecco spiegate le ragioni dell’accaduto:  

Il motivo per cui oggi abbiamo messo in vendita solo 300 pezzi è perché volevamo privilegiare chi aveva la prorità: l’apertura degli ordini di oggi era solo per chi aveva raggiunto l’obiettivo di SmashPhone o si era iscritto al sito ad aprile. Come abbiamo comunicato, non abbiamo la capacità distributiva per gestire contemporaneamente l’incredibile numero di richieste che sono pervenute oggi. Per noi è importante l’attenzione verso l’utente. Leggendo i vostri commenti abbiamo però capito che in tanti ci sono rimasti veramente MALE. Per questo abbiamo deciso di chiudere le vendite temporaneamente e di attrezzarci per poter evadere più telefoni possibile.  

Insomma, la chiusura temporanea delle vendite di StonexOne non gioverà di certo all’azienda, reduce peraltro già da un’esperienza simile legata ai pre-ordini, anche se in molti, anche quelli più arrabbiati, sperano ancora di avere tra le mai Stonex One il prima possibile.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Stonex One

Leave a Reply