Ubco, startup per bici elettriche, raccoglie 10 milioni di dollari di finanziamento

Si espande la startup Ubco, ecco i l'uovo finanziamento raccolto.

di , pubblicato il
Ubco

Altro successo per una startup, stavolta voliamo in Nuova Zelanda e parliamo di Ubco, società che si occupa di biciclette elettriche. Ebbene, chiuso un round raccogliendo ben 10 milioni di dollari che saranno utilizzati al fine di finanziare un’espansione globale incentrata sul mercato statunitense e ampliare la propria attività di servizi di abbonamento commerciale.

Startup, Ubco verso l’espansione

Un ciclomotore che sembra una moto da cross, è Ubco 2X2, il prodotto di maggior successo della casa neozelandese. Ne esistono due versioni: The Work Bike, il veicolo fuoristrada originale e l’Adventure Bike, la versione più recente realizzata per la guida in città ma in grado di gestirsi da sola. E dire che all’inizio, quando la società è stata fondata nel 2015, le intenzioni erano tutt’altre. Quella che era iniziata come una soluzione per gli agricoltori per spostarsi facilmente, in sicurezza e rapidamente nei pascoli e nelle fattorie, si è ampliata per includere una versione urbana della bicicletta che si rivolge ai clienti delle flotte aziendali, ai lavoratori della gig economy e ai ciclisti cittadini.

Ora che Ubco ha ricevuto un nuovo finanziamento grazie al round guidato da Seven Peak Ventures, Nuance Capital e TPK Holdings, spera di continuare ad espandersi nei settori esistenti, come la consegna di cibo, il servizio postale e la logistica dell’ultimo miglio. La startup lavora già con Domino’s in Nuova Zelanda e nel Regno Unito, oltre a una serie di altri clienti nazionali, come New Zealand Post, Defense Force, Department of Conservation e Pāmu, o Landcorp Farming Limited e altri ristoranti locali e I negozi.

Ubco, la startup delle bici elettriche

Sebbene le vendite dirette ai consumatori rappresentino attualmente la maggior parte delle entrate di Ubco, l’azienda sta spingendo in modo aggressivo nei servizi aziendali e, più specificamente, in abbonamento.

La startup prevede che le entrate saliranno da $ 2,1 milioni nel 2020 a $ 8,4 milioni entro la fine del 2021 mentre spinge ad aumentare le sue entrate ricorrenti annuali attraverso gli abbonamenti.

Ecco le parole di Timothy Allan, CEO e cofondatore di Ubco: “Abbiamo un forte mercato aziendale in Nuova Zelanda e abbiamo sviluppato una solida pipeline di vendite a livello internazionale. bbonamento significa che siamo proprietari del veicolo, quindi gestiamo il ciclo di vita. Quindi la prima vita inizia ad alta intensità, e potrebbero essere 60.000 chilometri consegnando la pizza, o potrebbero essere 30.000 chilometri in una fattoria, che sono ugualmente difficili per motivi diversi. Quindi, dopo, quel veicolo passerà a un’applicazione di intensità inferiore. Dopodiché la batteria può essere estratta e questa potrebbe andare nell’accumulo solare passivo o qualcosa del genere”.

Potrebbe interessarti anche PEC sempre più vicina all’ingresso in UE, c’è la nota di Aruba su Posta Elettronica Certificata

Argomenti: