Sky e Mediaset che batosta sulla Serie A, abbonati spaventati per diritti tv

Continua la querelle intorno ai diritti tv della Serie A, ormai MediaPro è sempre più vicina alla vittoria, che delusione per Sky e Mediaset Premium.

di , pubblicato il
Continua la querelle intorno ai diritti tv della Serie A, ormai MediaPro è sempre più vicina alla vittoria, che delusione per Sky e Mediaset Premium.

Si fa sempre più incerta la situazione relativa ai diritti tv della Serie A, il 16 febbraio sarà il giorno decisivo per capire a chi andranno, ma ormai sembra sempre più chiaro che MediaPro fa sul serio. L’azienda spagnola ha aperto una holding in questi giorni a Milano, e pare sia intenzionata ad alzare ulteriormente l’offerta fatta alla Lega. Sky e Mediaset sembrano ormai una spanna e più sotto.

Diritti tv Serie A, ciaone Italia

Mentre la Spagna fa ciaone all’Italia, Sky però sembra non volersi rassegnare, sarebbe del resto una batosta troppo forte per il gruppo di Murdoch, proprio dopo il grande successo dell’arrivo della Champions, perdere i diritti della Serie A, torneo che ha sempre offerto nella sua interezza praticamente da quanto è nata la piattaforma satellitare, lasciando a Mediaset soltanto le partite delle big, ora però tutto è in discussione, con MediaPro che promette cifre più vicine a quelle richieste dalla Federazione calcio italiana.

Rimane ancora poco chiara la situazione dal punto di vista prettamente pratico. Se da un lato infatti sappiamo che in qualche modo sarà comunque assicurata la visione ai tifosi italiani, dall’altra ci sfugge ancora il reale progetto di MediaPro. Si parla di streaming online con forte utilizzo di visione sui telefonini, quindi nascerà sicuramente una app per la visione di tale contenuto, app magari più leggera e dinamiche delle ormai obsolete Premium Play e soprattutto Sky Go che sta già per andare in pensione, almeno su Windows.

Leggi anche: Sky Go fa ciaone, da marzo lascia Windows, sia desk che mobile

Sky e Mediaset, che delusione

Gli esperti ci assicurano che non cambierà nulla per gli abbonati, ed è proprio questo che non ci quadra. In che senso non cambierà nulla? Vogliono forse dire che anche se i diritti andranno a MediaPro, gli abbonati continueranno a vedere le partite sul proprio abbonamento Sky o Mediaset? Ci sembra, francamente assurdo. Sarebbe praticamente vano lo sforzo di MediaPro, visto che tutto si basa proprio sull’accaparrarsi utenti offrendo contenuti che essi vogliono.

Se invece si intende che non cambierà nulla perché comunque MediaPro girerà a sua volta i contenuti al canale unico che la Lega vuole proporre, la faccenda cambierà eccome.

Quanto costerà questo nuovo canale? Dovremo quindi disdire quello che abbiamo attualmente con Sky e Mediaset per potercelo permettere? Insomma, comunque vadano le cose, il cambiamento sarà netto, altro che no. Non ci resta che attendere il 16 febbraio per scoprire come finirà questa telenovela, sempre che i vertici non inventino un’altra data di termine, per portare ancora avanti questo ormai snervante teatrino.

Leggi anche: WhatsApp in auto grazie all’aggiornamento di Apple CarPlay

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.