Serially, nuova piattaforma streaming completamente gratis, ecco come accedere

Arriva la nuova piattaforma di streaming Serially.

di , pubblicato il
Serially

È il grande mercato del momento, e due imprenditori italiani hanno pensato bene di tuffarcisi a picco. Stiamo parlando di Serially, la piattaforma streaming dedicata al mondo delle serie tv.

Serially, streaming gratis

In Italia arriva Serially, lanciata proprio nello scorso weekend. La grande notizia è che si tratta di una piattaforma completamente gratis. Alessandro Mandelli e Massimo Vimini hanno avviato questa nuova esperienza dopo la loro militanza in tv, ed ora si dicono certi che il futuro dell’intrattenimento è in streaming. Non si tratta certamente di una trovata geniale, ormai da anni si è capito quale andazzo sta prendendo l’intrattenimento televisivo. Tutto ormai è in streaming e quindi appare scontato che l’idea di per sé sia buona. Ma cosa propone la piattaforma?

A questo punto, tutto dipende dai contenuti, poiché la concorrenza sta diventando sempre più agguerrita e i competitor sono sempre più feroci. Serially si concentra esclusivamente sulle serie tv, ma si tratta di prodotti inediti per l’Italia, quindi potenzialmente di un certo interesse. Sulla pagina ufficiale è possibile effettuare l’iscrizione, che è assolutamente gratuita, e dare uno sguardo al catalogo del sito.

Serially, la piattaforma italiana

La grande trovata di Serially, probabilmente, è proprio quella di essere gratis. Potrete infatti vedere tutti i contenuti presenti sulla piattaforma senza alcun costo. Al momento è disponibile solo al sito succitato in versione browser, mentre il prossimo mese sarà lanciata la versione mobile per Android e iOS, infine più avanti partirà il rollout per le smart tv. Al momento il catalogo è sicuramente esiguo, ci sono infatti solo 13 titoli, ma entro la fine dell’anno ne dovrebbero essere aggiunti altri 10, promettendo quindi un costante aumento di catalogo per i propri utenti.

Potrebbe interessarti anche Squid Game diventa un videogame, da Netflix conferme sul titolo in via di sviluppo

Argomenti: