Scandalo Facebook anche in Italia, 214 mila account coinvolti

Anche profili italiani coinvolti nello scandalo Facebook. Ecco come è partito da noi il contagio con Cambridge Analytica.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Anche profili italiani coinvolti nello scandalo Facebook. Ecco come è partito da noi il contagio con Cambridge Analytica.

Degli 87 milioni di utenti coinvolti nello scandalo Facebook, 214 mila sono italiani. Una cifra notevole, anche se in percentuale poteva andare peggio. Il polverone ribattezzato Cambridge Analytica sta assumendo sempre più contorni mondiali, sua maestà Mark Zuckerberg ha quindi pensato bene di scusarsi ancora una volta sul suo profilo.

Facebook e Cambridge Analytica, lo scandalo senza fine

A parlare stavolta è Mike Schroepfer, chief technology officer di Fb, “In totale, crediamo che le informazioni di Facebook di 87 milioni di persone, prevalentemente in Usa, possano essere state impropriamente condivise con Cambridge Analytica”. Molto interessante anche la lista offerta da Facebook degli account coinvolti nello scandalo, con il numero di utenti utilizzati per scopi elettorali. Ecco il quadro completo comunicato, naturalmente con i cittadini USA ben piantati al primo posto: 70.632.350 milioni di utenti (81,6%) a stelle strisce, seguiti dai filippini (1,4%), gli indonesiani (1,3%), i britannici (1,2%), i messicani (0,9%), i canadesi (0,7%), gli indiani (0,6%), i brasiliani (0,5%), i vietnamiti (0,5%) e gli australiani (0,4%).

Potrebbe interessarti anche: Smartphone pieghevole, altro che Samsung, ora è Huawei a provarci

E per quanto riguarda l’Italia? La risposta arriva sempre da Schroepfer che comunica il resto dei dati. Sono 214.134 gli utenti italiani potenzialmente coinvolti nella vicenda Facebook-Cambridge Analytica. Si tratta di un calcolo effettuato andando a vedere quanti italiani hanno installato l’app di Aleksandr Kogan – il ricercatore di Cambridge Analytica. Sono 57 in questo caso gli italiani che hanno effettuato questo download, a questi vanno aggiunti poi gli amici che potenzialmente hanno quindi avuto contatti con lui sul suo account Facebook, si raggiunge in tal modo questa cifra.

Così dunque sarebbe partito il contagio anche da noi in Italia, ma ora ciò che preme e sapere che tipo di mosse sta attuando Facebook per rassicurare la sua utenza. A tal proposito Zuckerberg è intervenuto nuovamente per rilasciare un post, tra le righe si legge il nuovo obiettivo del social che fornirà quindi “maggiori dettagli in merito alle informazioni che raccogliamo quando gli utenti sincronizzano i loro contatti da alcuni dei nostri prodotti, compresa la cronologia di chiamate e sms, argomento su cui le persone hanno recentemente chiesto informazioni”.

Potrebbe interessarti anche: Serie tv di aprile, ecco i titoli in uscita questo mese

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Facebook Messenger

I commenti sono chiusi.