Samsung prepara Apple A9 per iPhone 7: è tregua con Cupertino?

Samsung dovrebbe realizzare i nuovi chip A9 per Apple, che vedremo montati su iPhone 7 e, forse, anche su iPhone 6S. Sotto la gestione di Tim Cook, sembra proprio che Apple e Samsung stiano stringendo una tregua produttiva.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Samsung dovrebbe realizzare i nuovi chip A9 per Apple, che vedremo montati su iPhone 7 e, forse, anche su iPhone 6S. Sotto la gestione di Tim Cook, sembra proprio che Apple e Samsung stiano stringendo una tregua produttiva.

Come ogni mese di ottobre, anche in questo ci troviamo a parlare per la prima volta di iPhone 6s e iPhone 7, a poche settimane dal lancio ufficiale di iPhone 6 e iPhone 6 Plus. Questa volta a far notizia è il chip Apple A9, che dovrebbe essere prodotto da Samsung: ennesimo segno di distensione tra le due aziende rivali sotto la gestione di Tim Cook. Cupertino avrebbe scelto proprio l’azienda sudcoreana per la realizzazione del suo nuovo chip per la capacità di rispettare le consegne nei tempi prefissati.   TI POTREBBE INTERESSARE iPad Air 2 in arrivo il 16 ottobre, iPad Pro solo nel 2015  

Samsung e Apple hanno fatto pace?

La battaglia a colpi di marketing c’è ancora e ci sarà sempre: Samsung sfrutterà le debolezze dei nuovi iPhone, così come Apple risponderà allo stesso modo esaltando le proprie peculiarità. Eppure sotto la gestione di Tim Cook le acque agitate che scuotono la battaglia tra Apple e Samsung sembrano essersi un po’ calmate.   Sul banco di lavoro ci sarebbero i nuovi chip A9, che vedremo sicuramente sui nuovi iPhone 7, ma forse anche sugli iPhone 6S. Samsung l’avrebbe spuntata tra tante altre aziende concorrenti, tra cui figuravano anche Qualcomm e AMD. L’azienda sudcoreana ha spiccato per la sua professionalità e per la puntualità nelle consegne che da sempre la contraddistingue (c’erano già stati dei rumors sulla partecipazione di Samsung alla realizzazione dei chip A7), e arriva dopo la parentesi TSMC che ha prodotto i chip A8.   La produzione del chip A9 dovrebbe partire entro fine anno e dovrebbero essere utilizzati i nuovi processi costruttivi a 14 nm, garantendo perciò più potenza (+20%), ottimizzazione della struttura interna e risparmio energetico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Smartphone