Rimozione sicura del dispositivo: serve davvero o possiamo farne a meno?

Domanda da 1 euro: ma la rimozione sicura del dispositivo è davvero così importante?

di Daniele Sforza, pubblicato il
Domanda da 1 euro: ma la rimozione sicura del dispositivo è davvero così importante?

Vi sarà capitato qualche volta di rimuovere una chiavetta USB dal vostro PC e di farvi prendere una sincope quando un vostro amico o parente, stazionato alle vostre spalle come un avvoltoio sulla preda, lancia un urlo mefistofelico gridando: non hai fatto la rimozione sicura del dispositivo! Anatema! A questo punto o entrate in panico – perché la rimozione sicura voi non l’avete fatta mai e già vi immaginate orde di orchi e troll che banchettano nel vostro PC – o fate spallucce e semplicemente ignorate la grande sorpresa del vostro ammonitore. Ma, una volta per tutte, la rimozione sicura del dispositivo è davvero così importante? Nel senso, è davvero utile oppure possiamo farne anche a meno? La rimozione sicura, dopotutto, può essere una perdita di tempo: quei 2-3 secondi (5-6 se il vostro PC è lento) con 2 click, ma il tempo potrebbe allungarsi se al computer avete collegato 10 dispositivi esterni – qual è quello giusto da rimuovere?   Cerchiamo di dare finalmente una risposta definitiva a questa domanda: la rimozione sicura del dispositivo non è affatto indispensabile, soprattutto se non vi è in corso un’operazione che possa tradursi nella lettura o nella scrittura di file, così come nella loro trascrizione o nel trasferimento dati. Forse era utile e importante agli albori, quando ancora c’erano i floppy disk per intenderci – a proposito, ve li ricordate i floppy disk? – ma oggi il massimo che può accadere se non avviene la rimozione sicura del dispositivo è che l’operazione di scrittura e lettura, se in corso, non verrà completata, con il rischio, in base al sistema operativo utilizzato, che si perdano; a meno che il nostro OS non faccia una scrittura differita, eventualmente in caso di file troppo grandi su cui fare operazioni, in base alla quale il salvataggio sul disco avviene in un secondo momento.   Nel caso in cui infiliate una chiavetta USB sul vostro PC, sinceratevi che le operazioni in corso siano terminate prima di sfilarla dalla sua presa. Oppure, se avete quei 2-3 secondi da perdere – sono tanti, lo sappiamo – fare la rimozione sicura del dispositivo non vi costerà nulla. Dopotutto, ormai, c’è chi lo fa solo per abitudine.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Guide

Leave a Reply