Recensione Moto X: brevi considerazioni sul top Motorola

Diamo uno sguardo più da vicino a Moto X, lo smartphone top di gamma Motorola in commercio in Italia da febbraio e scopriamone pregi e difetti con questa recensione.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Diamo uno sguardo più da vicino a Moto X, lo smartphone top di gamma Motorola in commercio in Italia da febbraio e scopriamone pregi e difetti con questa recensione.

Moto X è lo smartphone top di gamma targato Motorola, azienda che sta cercando di rilanciarsi nel settore tech sia con gli smartphone (come l’interessante Moto G), sia nel settore delle tecnologie indossabili come l’imminente smartwatch Moto 360. Il passaggio da Google a Lenovo potrà essere un tonificante per la società, che avrà uno spazio molto più importante di quello che Google, sostanzialmente interessato ai brevetti, le aveva riservato. Moto X è uno smartphone di qualità sotto ogni aspetto, che presenta pochi difetti (ed è difficile anche definirli tali) e che vanta un ottimo rapporto tra qualità e prezza, affiancandosi sotto questo aspetto solo al Nexus 5, nella stessa categoria. Analizziamo pregi e difetti di Moto X con questa recensione

 

LEGGI ANCHE

Moto X 16 GB a meno di 350 euro: ecco dove

 

Recensione Moto X: design

Nonostante il display da 4,7 pollici, Moto X si presenta uno smartphone piuttosto compatto: Moto X misura 129,3 millimetri di altezza, 65,3 mm di larghezza e 10,4 mm di spessore, per un peso effettivo di 132 grammi. Lo sfinimento ai lati e l’arrotondamento nella parte centrale lo rende uno smartphone piuttosto ergonomico, oltre che piacevole al tatto, grazie al policarbonato gommato sulla parte posteriore e alla plastica lucida che riveste gli spigoli. 

Il display è protetto dal vetro Gorilla Glass 3 che lo protegge e non trattiene le impronte. Moto X da noi non prevede la possibilità di personalizzazione presente negli Stati Uniti ed è dunque disponibile solo nei colori bianco e nero.

 

Recensione Moto X: display 

Moto X presenta un display da 4,7 pollici AMOLED con risoluzione HD 1280×720 pixel (densità di 316ppi). Il display AMOLED consente una visione dei colori abbastanza discreta, ma grazie al sistema di notifiche Active Display contribuisce all’ottimizzazione del risparmio energetico, visto che quando arriva una notifica si accende solo una parte del pannello a causa dell’attivazione solo ed esclusivamente dei pixel necessari. 

Gli angoli di visione risultano essere più che discreti e anche la visibilità sotto la luce del sole è di buona qualità. 

La risoluzione HD potrebbe risultare un po’ vetusta oggi, ma nel complesso contribuisce alla qualità complessiva del display, vivida testimonianza di come Motorola abbia assemblato il suo smartphone top di gamma non solo mettendo tutto al posto giusto ma anche facendo lavorare tra loro le varie componenti. 

Anche il touchscreen si presenta come molto fluido e reattivo. 

 

Recensione Moto X: processore

Moto X monta un processore Qualcomm Snapdragon S4 Pro dual core da 1.7 GHz, coadiuvato da GPU Adreno 320 ed equipaggiato con 2 GB di memoria RAM. La memoria interna è di 16/32 GB ma non è espandibile

Il processore Moto X vanta in realtà 4 core, visto che altri due single-core sono dedicati rispettivamente all’elaborazione contestuale, che consente allo smartphone di capire in che posizione è situato, e alla comprensione del linguaggio, che contribuisce al miglioramento delle funzioni vocali. A tutto ciò si aggiungono i core della GPU, che vanno a comporre X8 Mobile System Computing, pensato appositamente per Moto X e che rende ancora più ottimale la sinergia tra le varie componenti e fluide e reattive le prestazioni complessive. 

 

Recensione Moto X: fotocamera

La fotocamera di Moto X produce scatti di discreta qualità, ma spicca soprattutto per la semplicità di utilizzo grazie a un’interfaccia chiara e pulita. La fotocamera da 10 megapixel di Moto X è ideale infatti per un utente non esperto con il comparto fotografico, visto che mancano diverse applicazioni ottimizzate proprio sotto questo aspetto. Fatta eccezione però per un software a essa dedicata, che consente una gestione più rapida e pratica dello zoom digitale 4x e dell’autofocus: soffermandoci su quest’ultimo, al momento dello scatto, sarà molto semplice scegliere quale elemento mettere meglio a fuoco, trascinando il cerchio appena comparso nel punto giusto.

Naturalmente, per un’elaborazione più dettagliata e un editing più perfezionista delle foto scattate, potremmo recarci sul Play Store e scaricare le applicazioni che fanno al caso nostro.

 

Recensione Moto X: software 

Moto X è equipaggiato con OS Android 4.4.2 Jelly Bean e questo è un bene, ma non poteva essere altrimenti, visto che ai tempi della realizzazione di questo smartphone, Moto X era ancora sotto l’egida di Google. 

Tra le connettività figurano inoltre Bluetooth 4.0, modulo NFC, WiFi 802.11 a/b/g/n, 3G e LTE. Praticamente non manca nulla. 

Il comparto software di Moto X è molto valido grazie alla presenza di funzioni pensate proprio per ottimizzare e migliorare le prestazioni generali e l’esperienza di utilizzo. Tra queste, infatti, troviamo: 

  • Active Display: ne abbiamo già parlato ma è sicuramente una delle innovazioni più importanti di Moto X, soprattutto in termini di risparmio energetico e di gestione delle notifiche, resa molto più pratica grazie a comandi touch semplici che possono attivare l’opzione, disabilitarla fino alla notifica successiva o tornare alla homescreen. 
  • Motorola Connect: consente di visualizzare sul browser Chrome del proprio PC gli SMS, gli MMS e le chiamate ricevute sul proprio smartphone. 
  • Motorola Assist: riconosce i momenti in cui l’utente non deve essere disturbato, e risulta molto funzionale soprattutto quando si vuole riposare o ci si trova in importanti riunioni di lavoro, facendo passare solo le chiamate più urgenti. 
  • In ascolto: attraverso il semplice comando vocale “Ok Google Now” seguito da una richiesta, Moto X si attiverà rispondendo ai comandi e procederà all’invio di SMS, a chiamare o a cercare le informazioni richieste. 

Sotto l’aspetto della navigazione web il browser predefinito è Chrome: abbiamo registrato qualche piccolo rallentamento nel caricamento e nell’apertura di determinate pagine (le più pesanti), ma non lo consideriamo un difetto pesante. 

Dal punto di vista dell’audio Moto X è risultato ineccepibile, sia nella riproduzione di contenuti multimediali, sia nella ricezione delle chiamate: anche in vivavoce, infatti, il suono risulta sempre chiaro e pulito. 

 

Recensione Moto X: batteria

Moto X monta una batteria da 2200 mAh non removibile, ma la varietà di opzioni e funzionalità finalizzate al risparmio energetico consente al device di arrivare fino a fine giornata: anche con un utilizzo piuttosto intenso, infatti, ovvero giocando, utilizzando applicazioni, effettuando chiamate e navigando su internet, l’autonomia garantita varia dalle 12 alle 14 ore

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Recensione Moto G: lo smartphone Motorola economico visto da vicino

 

Recensione Moto X: conclusioni

Moto X è uno smartphone che vale la pena acquistare, lo diciamo subito: i pochi difetti presenti sono così inconsistenti (tranne forse per la memoria interna non espandibile) che diventa difficile perfino soffermarvisi. Motorola ha prodotto uno smartphone di qualità, un top di gamma dotato soprattutto di un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Lanciato al prezzo di 399 euro, oggi è possibile trovare qualche sconto interessante sui negozi online. 

I principali punti di forza di Moto X risiedono comunque nella qualità del display, nelle elevate prestazioni e nella ricchezza del comparto software e delle funzionalità preinstallate. Non male davvero. 

 

Vantaggi Moto X

Display

Prestazioni

Funzionalità

 

Svantaggi Moto X

Memoria interna non espandibile

Fotocamera solo discreta

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Moto X