Recensione Moto G: lo smartphone Motorola economico visto da vicino

Moto G è uno smartphone Motorola di fascia media che presenta alcuni pregi e alcuni difetti. Analizziamo lo smartphone Motorola (quasi) low cost più da vicino con questa breve recensione.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Moto G è uno smartphone Motorola di fascia media che presenta alcuni pregi e alcuni difetti. Analizziamo lo smartphone Motorola (quasi) low cost più da vicino con questa breve recensione.

Lanciato a dicembre come uno smartphone low cost, forse per essere sfruttato come idea regalo sotto il periodo di Natale, anche oggi Motorola Moto G è uno smartphone dal prezzo piuttosto contenuto e da alcune caratteristiche interessanti che andremo ad analizzare nel dettaglio in questa breve recensione. Moto G è uno smartphone Motorola che presenta alcuni pregi e alcuni difetti, ma che alla fine sembra comunicarci chiaramente solo una cosa tra tutte: Motorola resta sempre sé stessa, almeno nelle forme. Scopriamo più da vicino Motorola Moto G. 

 

LEGGI ANCHE

Motorola Moto G: smartphone low cost (ma solo al lancio) in arrivo a dicembre

 

Recensione Moto G: design

Aprendo la confezione del Moto G si resta un po’ delusi: mancano infatti auricolari e caricabatterie. Il risparmio ha dettato legge e dovremo dunque accontentarci solamente di un cavo microUSB/USB  e del classico libretto d’istruzioni. Se lo acquistate brandizzato troverete anche la SIM, ovviamente. 

Sotto l’aspetto del design Moto G non fa propriamente una bella figura, ma la comodità e la praticità d’uso possono compensare un livello estetico non eccezionale, anche a causa delle impronte che restano facilmente impresse sulla cover posteriore. La forma leggermente curva all’inizio potrebbe sembrare un ostacolo, ma pian piano ci si fa l’abitudine e si scopre anche che aumenta il livello di sicurezza. E’ infatti questo elemento, unito ai 143 grammi di peso, a dare del Moto G l’idea di uno smartphone solido e robusto. Anche lo spessore di 11,6 millimetri (quasi il doppio dell’Ascend P6) volge in questa direzione. Apparentemente però, perché tenendolo un po’ in mano non dà affatto l’idea di essere resistente, anzi: l’impressione è che se lo smartphone ci cade inavvertitamente dalle mani potrebbe “farsi male”. Ma per l’appunto è solo un’impressione. Nel complesso, tuttavia, la qualità costruttiva è più che discreta e guardandolo nell’insieme Moto G fa un’ottima impressione per essere uno smartphone di fascia media.

 

Recensione Moto G: display

Moto G presenta un display da 4,5 pollici LCD con tecnologia IPS e risoluzione 1280×720 (329ppi). Buona l’illuminazione e molto buona la resa dei colori: più che discreti anche gli angoli di visuale. Sotto il sole il pannello di Moto G pecca un po’, ma nel complesso la risoluzione HD e la qualità che contraddistingue il display sotto ogni aspetto fa passare ogni piccolo difetto in secondo piano.

Il vetro è molto resistente e non mostra particolari debolezze: difficile graffiarlo a meno che non vi ci mettiate di tutto punto. Il touch funziona molto bene e la sensibilità è decisamente eccellente. 

 

Recensione Moto G: prestazioni

Il cuore di Moto G è un processore Qualcomm Snapdragon 400 quad core da 1.2 GHz, aiutato da una GPU Adreno 305 e accompagnato da 1 GB di RAM. Ciò che inizialmente può sembrare poco, dopo un rapido utilizzo fa pensare come in realtà tutto funzioni a meraviglia, anche grazie a un’ottima interazione con l’ultima versione dell’OS Android. Ricordando che Moto G non è un top di gamma e dunque non può essere spremuto come tale, funziona tuttavia a meraviglia nel momento in cui si aprono applicazioni o si inizia a giocare. Nessun rallentamento, per una fruizione decisamente fluida e prestante che non inficia neppure troppo sul consumo energetico. 

Un aspetto negativo tuttavia c’è: stiamo parlando della memoria interna. Moto G è disponibile infatti in 2 tagli: 8 GB e 16 GB. Il problema è che la memoria interna non è espandibile e questo vi farà riflettere sulla quantità di dati che Moto G è in grado di contenere. L’unica soluzione è accettare il compromesso e scaricare subito i dati che vogliamo salvare su PC. 

 

Recensione Moto G: fotocamera

Quando sugli smartphone si gioca al risparmio, una delle prime componenti che viene sacrificata è quella del comparto fotografico: Moto G non è un’eccezione e questo si evidenzia molto bene dando un’occhiata alla fotocamera. Moto G presenta infatti una fotocamera posteriore da 5 megapixel e una fotocamera anteriore da 1,3 megapixel, ma la qualità degli scatti risulta piuttosto scadente. Nessuno vi vieta di fare foto con il Moto G, ma sappiate sin dall’inizio che non produrrete scatti perfetti e memorabili e per immortalare un momento storico della vostra vita col Moto G dovrete fare più di una foto prima di avere quella giusta. 

La fotocamera del Moto G nel complesso risulta solo sufficiente e di certo questo è uno svantaggio non indifferente, soprattutto se guardiamo ad altri smartphone della stessa fascia che presentano un comparto fotografico migliore. Tuttavia la fotocamera non è tutto in uno smartphone: sicuramente non lo è nel Moto G. 

 

Recensione Moto G: software

Moto G supporta WiFi b/g/n, Bluetooth e GPS, mentre manca il modulo NFC. Con il veloce update ad Android 4.4.2 KitKat, Moto G resta comunque uno dei migliori smartphone di fascia media sul mercato, almeno sotto l’aspetto della reattività e della fluidità. Moto G funziona molto bene con l’ultima versione dell’OS Android (merito di essere sotto le veci di Google, almeno fino a poco tempo fa, prima dell’acquisizione da parte di Lenovo). 

Per quanto riguarda il comparto multimediale, nulla da dire: se volete giocare a un gioco piuttosto pesante ci riuscirete benissimo. I guai verranno quando un altro gioco altrettanto pesante vi tenterà con il donwload. Ecco, lì sopraggiungeranno i problemi, a causa di 1 GB di RAM. Insomma, le prestazioni sono buone per lo smartphone di cui stiamo parlando, ma non chiediamo troppi miracoli a Moto G. 

 

Recensione Moto G: batteria

Moto G monta una batteria da 2070 mAh e questa è una buona notizia. L’autonomia è infatti uno dei principali punti di forza del Moto G. Con un utilizzo piuttosto intenso arriva a durare come un top di gamma spremuto all’osso, morendo a fine giornata. Con un utilizzo normale invece arriverà a 2 giorni circa o poco più. 

Per aumentare il risparmio energetico, praticate piccoli accorgimenti utili per ogni smartphone: disattivate WiFi e GPS quando non vi servono, o diminuite la luminosità del display. Allora sì che Moto G, se utilizzato in modo discreto, potrà arrivare anche a 3 giorni. 

 

Recensione Moto G: conclusioni

Moto G è uno smartphone di fascia media che fa il suo dovere e a volte anche di più. Tutto merito di una perfetta sinergia tra processore e sistema operativo che lavorano in sintonia garantendo prestazioni eccellenti. I materiali di costruzione sono molto buoni seppur non di lusso mentre anche il display fa un’ottima figura. Peccato per la presenza di alcuni difetti importanti, che rovinano un po’ il giudizio, che tutto sommato, alla fine, è positivo. 

 

Vantaggi Moto G

Display

Software e comparto multimediale

Autonomia

 

Svantaggi Moto G

Assenza del caricabatterie 

Fotocamera

Memoria interna non espandibile

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Smartphone Motorola

Leave a Reply