Recensione iPad Air: il miglior tablet dell’anno?

iPad Air, protagonista di questa fine 2013, regalo di Natale adocchiato già da molti utenti, soluzione ideale per fare di tutto. Seppur non è esente da qualche difetto. La domanda finale è: iPad Air è davvero il miglior tablet dell'anno? Scopriamolo con questa recensione.

di Daniele Sforza, pubblicato il
iPad Air, protagonista di questa fine 2013, regalo di Natale adocchiato già da molti utenti, soluzione ideale per fare di tutto. Seppur non è esente da qualche difetto. La domanda finale è: iPad Air è davvero il miglior tablet dell'anno? Scopriamolo con questa recensione.

Più sottile, più potente, più leggero. Non è semplicemente una pubblicità, ma una verità assoluta che rappresenta emblematicamente il nuovo corso intrapreso da Apple sotto l’aspetto dei tablet. L’iPad Air si presenta così e non delude affatto le aspettative, diventando così il miglior tablet dell’anno, o comunque uno dei migliori. Riprendendo la linea sottile dei nuovi MacBook del 2010, iPad Air potrebbe essere un regalo di Natale eccezionale, ma soprattutto un incubatore di numerose novità che ci ha lasciato stupefatti.

Da Apple ci aspettiamo sempre qualcosa di più e questo ci rende tutti un po’ più severi: tuttavia, davanti a iPad Air è difficile restare impassibili.

Scopriamo iPad Air in questa recensione

 

LEGGI ANCHE

iPad Air vs iPad Mini Retina, confronto prezzo e caratteristiche: quale conviene acquistare?

 

Recensione iPad Air: aspetto

Elegante, sottile, leggero. Un peso piuma, insomma. Cosa strana per un tablet estremamente potente. Ma la cosa fa molto piacere. Non nascondiamo un po’ di timore nell’avvicinarsi all’iPad Air, abbiamo quasi paura di toccarlo, che si rompa al minimo contatto, ma è solo un timore illogico e ingiustificato. iPad Air è anche resistente. 240 millimetri di altezza, 169,5 mm di larghezza, solamente 7,5 mm di spessore, per un peso effettivo di 469 grammi per la versione WiFi, 9 grammi in meno rispetto alla versione Cellular. Solido e sottilissimo, iPad Air si distingue per un design lavorato fin nei minimi dettagli, che presenta angoli e spigoli smussati e che sotto certi aspetti ricorda iPad Mini. Tutte queste caratteristiche rendono iPad Air eccellente sotto l’aspetto ergonomico: si può afferrare anche con una mano sola, ma se non volete avere brividi sulla schiena ogni 5 minuti o se siete maldestri, vi consigliamo di usare anche l’altra mano. Ottimo per lavorare e per giocare, iPad Air si tiene che è una bellezza. 

 

Recensione iPad Air: display

Il display rappresenta uno dei principali punti di forza dell’iPad Air: infatti ci troviamo di fronte a uno schermo da 9.7 pollici con risoluzione 2048×1536 pixel (264ppi), con tecnologia IGZO di Sharp Display, fattore determinante nel ridurre dimensioni e peso del tablet, ma anche nell’ottimizzare la luminosità del display e soprattutto nel risparmio del consumo energetico. La leggibilità è infatti consentita in ogni condizione di luce e gli angoli di visione sono ottimi: ciò fa sì che, pur inclinandolo, possiamo continuare a guardare il display come se lo avessimo davanti agli occhi. L’idea è più o meno questa ed esemplifica alla perfezione quello che significa fruire a 360° di tutto ciò che appare sul display: dai libri ai film, dai giochi ai documenti. Semplicemente totale. 

 

Recensione iPad Air: processore

Il cuore è più o meno lo stesso dell’iPhone 5S, decisamente più potente rispetto all’iPad della precedente generazione. Ci troviamo infatti davanti a un chip A7 con architettura a 64-bit (il doppio del precedente tablet Apple), ovvero un processore dual core da 1.4 GHz con GPU Power VRG6430, coadiuvato dal coprocessore di movimento M7 in grado di gestire il comparto relativo alla localizzazione, con 1 GB di RAM e memoria interna da 16 a 128 GB. Il tutto è molto fluido e performante e permette anche a iOS 7 di funzionare al meglio. Un eccessivo utilizzo multitasking è sconsigliato, poiché iPad Air potrebbe incappare in alcuni rallentamenti, ma per il resto ci si muove con agilità e rapidità e tutto sembra funzionare come dovrebbe. La sinergia tra chip A7 e coprocessore M7 è un meccanismo perfetto. 

 

Recensione iPad Air: fotocamera

Non è tutto oro quel che luccica e infatti abbiamo raggiunto il punto negativo di questo iPad Air. Sia chiaro: non che la qualità delle immagini sia scarsa, anzi; per una fotocamera da 5 megapixel risulta molto buona, ma la verità è che ci si aspettava un miglioramento che non c’è stato rispetto all’iPad della generazione precedente. 

iPad Air presenta una fotocamera posteriore da 5 megapixel con sensore BSI e possibilità di registrare video Full HD a 1080p, e una fotocamera anteriore da 1.2 megapixel, con possibilità di registrare video HD a 720p. La qualità della fotocamera è decisamente potenziata dal comparto software che, con le numerose applicazioni, consentono di avere foto e video di buonissima qualità. Tranne che per quelle foto scattate in condizioni di scarsa luminosità. 

 

Recensione iPad Air: software

Pochissimi lag e bug: iOS 7 è quel che è, può piacere e può non piacere, ma da quello che abbiamo visto sembra che su iPad Air giri grazie alla sinergia con il comparto hardware. Più fluido che fastidioso, soprattutto nella navigazione web su Safari, vittima di un ottimo restyling grazie alla nuova versione dell’OS Apple. Diverse le applicazioni presenti, che poi sono quelle di Apple, mentre ottime risultano quelle relative alla produttività (stiamo quindi parlando di iWorks) e alla multimedialità (iLife). Nel complesso il meccanismo software risulta completo, ma un po’ lontano dalla perfezione. Ciò non sminuisce affatto la potenza e la velocità del nuovo iPad Air. 

 

Recensione iPad Air: autonomia

Nulla di nuovo sul fronte dell’autonomia, se non per una inspiegabile riduzione di Wh rispetto all’iPad 4: nell’iPad Air, infatti, la batteria è da soli 32,9 Wh, ovvero 9,6 Wh in meno rispetto all’iPad della precedente generazione. Nonostante questo l’autonomia non registra nulla di nuovo: se navigate costantemente sul web soprattutto su pagine pesanti avrete circa 60-75 minuti di autonomia, mentre la visione multimediale consente circa 4-5 ore di visione, più o meno lo stesso lasso di tempo se decidete di passare un intero pomeriggio a giocare. Un utilizzo basso dell’iPad Air, invece, lo porta fino a 1 giornata intera di autonomia: un utilizzo medio (ovvero, un utilizzo normale) lo porta a 10-12 ore prima dell’esaurimento. Nulla di nuovo, insomma. 

 

Recensione iPad Air: conclusioni

Si parte dai 479 euro e si arriva a 869 euro. E dobbiamo ammettere che non siamo sorpresi, e che perfino ci aspettavamo anche di più. Rispetto alla qualità, il rapporto è ottimo. iPad Air è sicuramente un investimento, ma quando parliamo di investimento non ci riferiamo solo al prezzo, bensì al futuro. Sì, perché tra qualche mese vedremo sicuramente diverse app pensate appositamente per il nuovo iPad superpotente, e con le nuove release di iOS tutto potrebbe funzionare a meraviglia. 

Quindi sì, iPad Air è un investimento. Un ottimo investimento. A noi, insomma, è piaciuto molto. 

 

Vantaggi iPad Air

Ergonomia

Display

Processore

 

Svantaggi iPad Air

Fotocamera 

 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Recensioni, Recensioni Apple iPad, Tablet, Famiglie

Leave a Reply