Playaya, app sharing per condividere l’ombrellone in spiaggia

Una app per l'ombrellone? Hanno inventato anche questa. Ecco che arriva l'app sharing Playaya, per un posto al sole in affitto.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Una app per l'ombrellone? Hanno inventato anche questa. Ecco che arriva l'app sharing Playaya, per un posto al sole in affitto.

Popolo degli smartphone, amanti delle nomenclature 2.0, naviganti e soprattutto bagnanti, ecco l’invenzione che tutti (o nessuno) stavate aspettando. Arriva Playaya, app per condividere l’ombrellone, e questa genialata arriva dall’Italia.

App sharing, ecco Playaya

Quando il car sharing arrivò sul mercato, molti erano scettici, in realtà poi il fenomeno si è comunque guadagnato una sua fetta di clienti. Potremo dire la stessa cosa dell’ombrellone sharing? Ai posteri l’ardua sentenza. Ma intanto andiamo a conoscere più da vicino quella che sembra un’operazione balneare da sole in testa. L’app segue i classici principi dello sharing economy, ideata da due giovani di Torino, l’applicazione permette di condividere l’ombrellone con altri utenti interessati. Ma come funziona?

Potrebbe interessarti anche: Facebook lancia i gruppi a pagamento, da 4,99 a 29,99 dollari al mese

Chi ha l’abbonamento in uno stabilimento balneare può mettere in fitto il proprio posto, simbolicamente l’ombrellone, così quando non è fisicamente in vacanza, può cederlo a chi sta cercando un posto in quella stessa spiaggia. Ad aderire per primi sono stati alcuni stabilimenti balneari liguri a Lerici, Bordighera, Spotorno, Borgio Verezzi, Pietra Ligure, Loano, Ceriale, Alassio e Diano Marina. Raccontata così probabilmente non sembra questa grande idea, ma a dire il vero a pensarci bene il servizio ha un suo perché.

A rendere tutto più semplice è infatti proprio l’app, capace appunto di mettere in contatto il proprietario dell’ombrellone (titolare dell’abbonamento) e chi cerca un posto al sole (non la telenovela, ovviamente). I soldini quindi vanno a chi ha l’abbonamento e non allo stabilimento, il quale però ci guadagna in termini di pubblicità, poiché abbonarsi ad una spiaggia che permette poi di subaffittare il proprio posto è molto conveniente. Insomma, l’idea che inizialmente sembrava poco rilevante (tanto che ci abbiamo scherzato su), a conti fatti è davvero interessante e soprattutto perfettamente in tema con il caldo che avanza.

Potrebbe interessarti anche: I migliori smartphone sotto i 100 euro, ecco la classifica

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Applicazioni e Giochi