Più attacchi malware la sera tardi e nei weekend, quando siamo meno attenti

Interessante report sulla cybersecurity lancia l'allarme, di sera e nei weekend ci sono più attacchi malware.

di , pubblicato il
malware

Interessante, quanto inquietante, lo studio condotto da M-Trends Report di FireEye, il quale ci dice che l’incidenza degli attacchi malware aumenta di sera e nei fine settimana. Cerchiamo di capire quali siano le ragioni dietro questo dato.

Malware, più attacchi di sera

Il 12esimo report di FireEye ha dimostrato che dati alla mano gli hacker si sbizzarriscono nelle ore tarde. Quando si parla di malware si è però molto vaghi in questo specifico caso infatti i dati sembrano prendere in esame e quindi riferirsi principalmente ai grandi attacchi hacker, quelli cioè verso grandi aziende, magari attuati da criminali professionisti o da aziende rivali che cercano di sabotare il lavoro altrui.

Ebbene, secondo questi dati, gli hacker studiano il comportamento dei dipendenti durante il giorno, per poi sfruttarne la maggior vulnerabilità quando l’orario di lavoro sembra ormai essere terminato e quindi la sorveglianza è minore. Parliamo quindi di tarda sera e weekend, momenti perfetti per sfruttare le falle di cybersicurezza che, purtroppo, nonostante i tanti sforzi profusi in questo campo, ancora molte aziende presentano.

Hacker e malware, i rischi

Gabriele Zanoni, Country manager di Mediant Italia, società di consulenza in ambito cybersecurity, mette in guardia le imprese: “Bisogna fare attenzione, perché i malware vengono utilizzati prevalentemente la sera o nel weekend quando il team di sicurezza non è operativo. C’è uno studio di comportamento delle vittime per massimizzare la potenza del loro attacco”.

A complicare le cose, secondo gli analisti esperti del settore cybersicurezza, ci sono anche i tool pubblici che possono essere acquistati tranquillamente da ogni malintenzionato. Tra questi c’è Beacon, uno strumento commerciale solitamente impiegato per azioni di pentesting nelle reti.

Secondo il report il 24% delle intrusioni sarebbe stato effettuato da questo particolare tool tranquillamente in commercio.

Potrebbe interessarti anche Si possono usare gli Nft per scongiurare il cyber flashing contro le donne?

Argomenti: ,