Petanque in versione tech, Google la celebra con un doodle tutto da giocare

Arriva un nuovo doodle da parte di Google, stavolta per celebrare il Petanque, ecco come si gioca online con Big G.

di , pubblicato il
Petanque

Un nuovo doodle da parte di Google in onore della Petanque. Da stamane chi è andato sul motore di ricerca di Big G si è trovato il gioco piazzato sulla barra, cliccandoci sopra si inizia a giocare. Ma di che gioco si tratta?

Google celebra la Petanque con il doodle

La Petanque è il gioco delle bocce di metallo nella variante francese. Si tratta di un gioco nato in Provenza e derivata dal “gioco provenzale” (jeu provençal). La prima partita ufficiale è datata 1907, ma oggi sta riscuotendo nuovo interesse per la proposta di inserirlo tra le nuove discipline alle Olimpiadi del 2024. In questo 1 agosto però Google ha pensato bene di proporlo al vasto pubblico in versione tech, ossia un videogioco da poter fare direttamente online, come i classici browser game.

Le modalità di gioco sono essenzialmente due, si può giocare in singolo o in doppio, quindi creando una squadra con due giocatori che affrontano a loro volta un team di altrettanti giocatori. Naturalmente, il tutto online. È possibile giocare contro altri utenti collegati sul web, in questo caso Google sceglie dei giocatori a caso da farti incontrare. Esiste però anche la modalità di partita con gli amici, ed in questo caso viene generato un link che è possibile inviare a un vostro contatto tramite i vari social media così da invitarlo a giocare con voi.

Petanque, le bocce online

È consigliabile fare un po’ di pratica prima di iniziare a lanciare la boccia. Lo scopo del gioco, per chi non lo avesse ancora capito, è riuscire a colpire la pallina, o quanto meno andarci il più vicino possibile. Ad ogni turno infatti un radar esaminerà chi si è avvicinato di più. I round di gioco sono 3, quindi vince chi ha fatto più punti. Si tratta sicuramente di un giochino interessante e divertente che può aiutarci anche ad ammazzare il tempo a casa oppure a mare sotto l’ombrellone.

Argomenti: