Orbii Sphero: il vigilante di casa a soli 300 euro

Una telecamera rotolante che si aggira per casa puntando il proprio sensore verso gli ambienti della vostra casa e tenendo sotto controllo tutto. Al CES 2016 anche le videocamere mobili hanno avuto il loro ruolo di primo piano.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Una telecamera rotolante che si aggira per casa puntando il proprio sensore verso gli ambienti della vostra casa e tenendo sotto controllo tutto. Al CES 2016 anche le videocamere mobili hanno avuto il loro ruolo di primo piano.

Si chiama Orbii Sphero ed è una videocamera di sorveglianza capace di muoversi all’interno della casa rotolando, ma mantenendosi sempre ritta grazie alla funzione di autobilanciamento, che le consente di puntare il sensore sempre sull’ambiente da controllare e sul focus su cui vuole puntare – tramite smartphone, da remoto – l’utente finale. Orbii Sphero rappresenta il connubio ideale tra una palla tecnologica e una scocca che consente alla stessa di spostarsi per la casa, controllabile ovviamente da remoto tramite applicazione da scaricare sul vostro dispositivo mobile.   Immaginate di essere lontani da casa e di aver dimenticato qualcosa: potrete ordinare a Orbii Sphero di rotolare per casa per sapere se il fascicolo che dovevate portare a lavoro l’avete dimenticato a casa e dove – e no, non saprà riportarvelo. Oppure siete in viaggio e avete lasciato la casa incustodita: sempre da smartphone, potrete controllare lo stato della vostra abitazione tramite questa videocamera di sorveglianza mobile. Insomma, Orbii Sphero è un vero e proprio vigilante capace di muoversi autonomamente e di inviarvi un resoconto del suo monitoraggio in tempo reale.   Presentata al CES 2016 di Las Vegas, Orbii Sphero non è attualmente ancora pronta per la commercializzazione, ma dovrebbe esserlo a breve, quasi sicuramente entro l’estate 2016. Il prezzo di commercializzazione? Neppure troppo alto a nostro avviso, visto che si parla di soli 300 euro.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: CES 2016

I commenti sono chiusi.