Open Fiber registra nuovo record con Zion, ne nostro quotidiano sarà decisiva la velocità

800 Gigabit raggiunti dalla dorsale di fibra ottica Zion, record in Italia.

di , pubblicato il
800 Gigabit raggiunti dalla dorsale di fibra ottica Zion, record in Italia.

La tecnologia sta assumendo sempre più importanza nella nostra vita, e ora che il mondo fuori dalle nostre case è diventato sempre meno sicuro, avere il supporto tecnologico diventa fondamentale. In questo quadro, i progressi fatti da ZION di Open Fiber per la fibra ottica sono davvero una boccata d’ossigeno.

ZION, record di velocità

La velocità è tutto quando si parla di connessione, e la fibra ottica è quella che offre la maggior velocità di download in questo momento. Se poi parliamo del nuovo record raggiunto da ZION per la dorsale di fibra ottica, allora c’è davvero da iniziare a ben sperare. Pensiamo ad esempio alla nostra DAD, la didattica a distanza che stiamo facendo fare ai nostri figli per ridurre i contagi da Covid, in questa fase quindi avere una connessione rapida ed efficiente in tutta Italia sarebbe qualcosa di realmente decisivo.

Tornando nello specifico, la dimostrazione di Open Fiber con la fibra ZION ha raggiunto livelli mai toccati prima. Dopo i 600 Gbps toccati lo scorso anni, ora si fa anche meglio: raggiunti gli 800 Gigabit per secondo (Gbps) per canale ottico. Il risultato registrato sul backbone nazionale segna un nuovo record dell’azienda che ha raggiunto per prima in Italia tale velocità.

Come dicevamo, tale traguardo ci fa vivere con più ottimismo gli obiettivi che ci stiamo prefissando, con una presenza sempre più attiva di Internet nelle nostre vite, e lo abbiamo visto con un semplice esempio poco prima, relativo alla questione DAD, ma pensiamo anche a quanto streaming vediamo ormai nelle nostre case, con le sale cinematografiche che vanno lentamente verso la definitiva chiusura e i film che vengono costantemente inseriti nelle nostre piattaforme.

Anche inquietante questo caso, i risultati raggiunti da Open Fiber, infrastruttura controllata al 50% da Enel e al 50% da Cdp, fa ben sperare.

Potrebbe interessarti anche Google crolla per quasi un’ora e il mondo trattiene il fiato, cosa è accaduto realmente?

Argomenti: ,