Attacco hacker oleodotti di Colonial Pipeline a firma DarkSide

Attacco hacker all'oleodotto di Colonial Pipeline, dichiarato lo stato di emergenza.

di , pubblicato il
hacker

Spuntano nuove indiscrezioni sul cyber attacco all’oleodotto di Colonial pipeline negli Stati Uniti. Dietro all’attacco si cela DarkSide. No, non stiamo parlando dell’acerrimo nemico della Justice League, anche se immaginiamo che la fonte di ispirazione degli hacker sia proprio quella.

DarkSide, cyber attacco all’oleodotto

Il gruppo criminale noto come DarkSide ha attaccato i sistemi di sicurezza dell’oleodotto di Colonial Pipeline. C’è la loro firma quindi dietro l’evento che ha fatto dichiarare lo stato di emergenza a Biden. Siamo intanto giunti al terzo giorno di chiusura, un danno che sta causando ingenti perdite economiche, oltre che disagi, visto che l’oleodotto in questione, con sede in Georgia, trasporta benzina e altri combustibili dal Texas al nord-est degli Stati Uniti.

Si tratta della rete di oleodotti più grande degli Stati Uniti, ed è stata messa in ginocchio da un attacco hacker. Secondo le ultime informazioni, il cyber attacco ha avuto origine nel pomeriggio di venerdì scorso. La società è stata quindi costretta a mettere offline la rete, interrompendo in tal modo il trasporto di carburante dal Golfo del Messico all’area metropolitana di New York e non solo, al fine di contenere il più possibile la minaccia.

Blackout oleodotto, c’è lo stato d’emergenza

si tratta di una rete di oleodotto circa 8550 km, capace di offrire fornitura all’intera East Coast del paese, e ora totalmente bloccata. L’intera aera quindi è da tre giorni costretta a fare a meno dei rifornimenti per vari tipi di trasporto, trattandosi di benzina, diesel e anche carburante per aerei. Come dicevamo, subito dopo allertato dall’attacco, il Presidente Biden ha dichiarato lo stato di emergenza e ha attivato alcune misure straordinarie come il trasporto stradale del carburante, estendendo inoltre anche le ore di lavoro degli autotrasportatori statunitensi, al fine di sostituirsi al blackout dell’oleodotto.

Potrebbe interessarti anche Un bug nei modem permetteva agli hacker di spiare smartphone Android

Argomenti: ,