Oculus Rift senza censure: anche i contenuti per adulti saranno disponibili

Facebook ha annunciato che non ci saranno veti sui software che gireranno sugli Oculus Rift, sui quali saranno disponibili anche i contenuti per adulti.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Facebook ha annunciato che non ci saranno veti sui software che gireranno sugli Oculus Rift, sui quali saranno disponibili anche i contenuti per adulti.

Sembra proprio che gli Oculus Rift andranno a ruba da un certo tipo di pubblico: basti pensare, infatti, che Facebook non ha posto veti ai software che gireranno sul dispositivo di realtà aumentata che sarà in commercio a partire dal primo trimestre 2016, pertanto anche la pornografia sarà ammessa e non è affatto un caso che l’industria del settore stia pensando a qualcosa che li faccia emergere dalla dimensione finora conosciuta per produrre nuove esperienze con i visori dedicati alla realtà virtuale e alla realtà aumentata. Ciò significa che gli utenti non solo verranno “coinvolti” da contenuti d’intrattenimento per tutti i gusti, come ad esempio i videogiochi, ma anche da vere e proprie esperienze pornografiche, che si tradurranno nel vedere molto da vicino quanto viene visto attualmente sui principali siti online dedicati all’erotismo.  

Dai Google Glass agli Oculus Rift

Un tempo avevamo parlato dei Google Glass e del sesso che non sarebbe stato più come prima grazie all’innovativa tecnologia indossabile progettata da Google, ma come ben tutti sappiamo gli occhiali intelligenti di Big G stanno subendo un profondo rinnovamento e nessuno ne sente più parlare come prima. Oggi l’attenzione degli appassionati e degli addetti al settore è rivolta tutta verso Oculus Rift (e concorrenti come Project Morpheus, ma anche dell’interessantissimo Dlodlo) e l’impressione, in questo momento, è che ancora non sappiamo come cambieranno la nostra vita perché gli articoli su questo dispositivo non sono sufficienti a spiegare tutte le loro potenzialità.  

Oculus Rift senza… veli

Tra queste, quella della pornografia, la cui diffusione sarà ovviamente limitata in qualche modo, ma su cui gli sviluppatori potranno (è proprio il caso di dirlo) divertirsi con l’obiettivo di creare delle app dedicate a tutti gli appassionati della pornografia online (e sono davvero tanti). Questi potranno trovarsi letteralmente al centro di scene hard e guardarle sotto prospettive finora solo immaginate e che ovviamente l’attuale struttura bidimensionale dei contenuti non consente. A suo modo, l’industria a luci rosse potrà pertanto perseguire un importante processo di innovazione della sua struttura, portando i propri contenuti a una nuova dimensione molto più appetibile per i suoi fruitori.   La mancanza di censure e l’apertura totale a contenuti di ogni genere – sempre nei limiti, ovviamente – porterà Oculus Rift a essere uno dei dispositivi più appetibili del prossimo anno, considerando anche il suo modico prezzo di circa 350 dollari. E l’attesa sempre più crescente non può che far del bene al gioiello di Oculus VR.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Oculus Rift

Leave a Reply