Occhi rossi da smartphone, il fenomeno che preoccupa i medici

Gli smartphone e gli altri dispositivi elettronici fanno male alla vista, ecco come proteggersi.

di , pubblicato il
Gli smartphone e gli altri dispositivi elettronici fanno male alla vista, ecco come proteggersi.

Il mondo moderno presenta insidie del tutto diverse rispetto al passato, e spesso non meno pericolose. Gli smartphone continuano a preoccupare, stavolta sul banco degli imputati ci finiscono per i problemi che possono causare alla vista.

Smartphone e occhi rossi

Lo chiamano occhi rossi, ed è il classico fenomeno di chi sta sforzando troppo la propria vista su uno schermo che proietta una luce blu davvero preoccupante per la medicina.

Medici ed esperti infatti sono estremamente preoccupati per la nostra salute e lanciano l’allarme. Per fortuna però, oltre agli allarmismi che spesso lasciano il tempo che trovano, ci sono anche le azioni attive, come il Check-up degli occhi, un’iniziativa per il controllo e la protezione della vista rivolta a persone di ogni età, con visite gratuite presso il centro.

E’ bene precisare che il fenomeno degli occhi rossi non è certamente causato solo dagli smartphone. Tale condizione infatti si verifica quando fissiamo per lungo tempo una qualsiasi fonte luminosa o elettronica, quindi anche PC e tablet finiscono sul banco degli imputati. Se poi ci aggiungiamo anche lo smog delle nostre città, allora ci troviamo davanti a una combo imbattibile. L’aria inquinata delle nostre città infatti aumenta ulteriormente il fastidio ai nostri occhi.

Come difendersi? Innanzitutto partecipando all’iniziativa che vi abbiamo riportato. Basta cercarla su Facebook per conoscerne meglio tutti i dettagli e segnalare la propria aderenza. In aggiunta c’è anche il sito www.carones.com dove potete lasciare la vostra email per approfondimenti diretti. Inoltre, per coloro che stanno davvero tanto tempo davanti al pc, ovviamente per motivi di lavoro, un consiglio importante è quello di fare delle pause di tanto in tanto, anche brevi, così da spezzare l’effetto dello schermo. Inoltre, il processo di ammiccamento è fondamentale, ovvero chiudere le palpebre di tanto in tanto. In condizioni normali lo facciamo 12 volte al minuto, ma quando siamo al pc lo facciamo di meno. Cerchiamo quindi di mantenere questa abitudine e di spremerle bene così da lubrificare correttamente i nostri occhi.

Potrebbe interessarti anche: Google omaggia il cinema con il doodle su Joseph Plateau

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.