Next Insurance arriva a 4 miliardi di dollari in meno di un anno

Next Insurance si fa strada nel mondo dell'insurtech.

di , pubblicato il
Next Insurance si fa strada nel mondo dell'insurtech.

Si fa interessante l’assetto finanziario di Next Insurance, insurtech con sede in California, l’azienda ha annunciato di aver raggiunto già il valore di 4 miliardi di dollari in meno di un anno di vita grazie al nuovo guadagno fatturato a stretto giro con un nuovo finanziamento di 250 milioni di dollari e una serie di prestigiose partnership ottenute.

Next Insurance, è nato un colosso?

Come dicevamo, decisivo il nuovo finanziamento ottenuto ma anche le acquisizioni fatte di recente, infatti questo finanziamento arriva dopo che Next Insurance ha acquisito Juniper Labs a dicembre e AP Intego più recentemente. Ma cosa fa precisamente questa startup diventata in poco tempo una realtà finanziaria del settore? Next si occupa di vende coperture per piccole imprese in una serie di categorie (società di lavoro, auto commerciali, responsabilità generale, ecc.) e per svariate classi di lavoratori.

La insurtech punta a coprire nel suo ventaglio il maggior numero di categorie e settori lavoratovi, così da attirare un sempre maggior numero di piccole imprese. E il mondo dell’insurtech in generale è davvero interessante in questo specifico momento storico, visto il caso Lemonade, con il prezzo delle sue azioni lievitato. Insomma, il mondo delle assicurazioni tech sembra essere particolarmente florido in questo momento, ed è quindi importante segnare punti proprio in questa fase per riuscire a costruire una base florida per un futuro ricco e longevo.

Insurtech, un settore fortunato, ma competitivo

A giudicare da questo singolo anno, sembra proprio che Next Insurance stia facendo proprio tutto per il meglio. Ma non sarà certo facile, abbiamo infatti visto che la concorrenza è agguerrita. Il caso Lemonade non è il solo, ma c’è anche chi non se la passa invece affatto bene. Pensiamo ad esempio al caso Root, che nonostante tutte le buone intenzioni, è finita per accumulare solo cause legali sin da subito. Sempre nel campo delle compagnie assicurative c’è poi anche MetroMe, che in seguito a procedure non proprio ortodosse nel campo del trading, è divenuta pubblica sfruttando il sostegno della Special Purpose Acquisition Company (SPAC), cosa che intende sfruttare anche Hippo, altra insurtech che invece si occupa di assicurazioni per la casa.

Per Next sarà fondamentale riuscire a raccogliere tutto dal panorama offerto dal proprio settore di competenza, comprendere cioè quel che di buono e di cattivo è stato fatto dai competitor, e saper sfruttare tutto a proprio vantaggio, ma naturalmente il tutto dipenderà sempre da quali sono gli obiettivi prefissati e che tipo di prospettiva quindi si vuole assumere. L’entusiasmo di questo primo anno è comunque più che giustificato, Next afferma che il suo GWP è raddoppiato nell’ultimo semestre, e nulla vieta a questo punto di ipotizzare un raddoppio del prezzo delle GWP, proprio per sfruttare la fase di crescita della società.

Potrebbe interessarti anche Pilot, azienda top nel back office, riceve 100 milioni di dollari da Bezos

Argomenti: