Netflix contro tutti, dopo Amazon anche Google, Facebook e Apple puntano allo streaming

Il colosso dello streaming Netflix si prepara ad una nuova sfida. Dopo Amazon, anche altre grandi aziende si lanciano sull'intrattenimento online.

di Giovanni Reale, pubblicato il
Il colosso dello streaming Netflix si prepara ad una nuova sfida. Dopo Amazon, anche altre grandi aziende si lanciano sull'intrattenimento online.

Il grande mondo dello streaming sta per diventare ancora più grande. Netflix si prepara alla battaglia, dopo la sfida lanciata da Amazon, altri rivali si lanciano a capofitto nel mondo dell’intrattenimento on demand, stiamo parlando dei super colossi Google, Facebook e Apple. Vediamo cosa hanno in mente.

Netflix e Amazon, il mondo dello streaming si allarga

Il fatturato dello streaming nel 2015 è di oltre 25 miliardi, in proiezione si stima invece 51 miliardi entro il 2020, numeri che non possono che ingolosire colossi come Facebook, Google e Apple, sempre pronti ad espandere i propri confini laddove ci sia la possibilità di monetizzare al massimo i propri sforzi. Naturalmente, al momento, è Netflix l’avversario da battere, negli Usa infatti la piattaforma di streaming ha superato in abbonamenti anche le tante pay via cavo.

L’ingresso in campo di Apple, Google e Facebook, che va ad aggiungersi ai due colossi Netflix e Amazon, non può che far piacere agli utenti. La concorrenza aumenta la produttività, alzando il livello dei contenuti e abbassando spesso anche i prezzi. Al momento però Netflix ha deciso di fare la mossa opposta, forte però propri del fatto che per ora la concorrenza non ha ancora un trend tanto importante. L’alzamento dei prezzi, per quanto minimo, indirizzato verso i nuovi iscritti (i vecchi abbonati pagano ancora lo stesso mensile di sempre) promette un miglioramento dei contenuti.

Leggi anche: WhatsApp posizione attuale, nuova funzione in arrivo che svela dove sei per Android e iOS

Mondo streaming, i progetti contro Netflix e Amazon

Per ora Apple sembrerebbe pronta a spendere 1 miliardo su serie originali e film per il prossimo anno, meno rispetto ai 6 miliardi di budget annuale di Netflix, i 4,5 miliardi di Amazon e anche i 2 miliardi di HBO. Al momento quindi pare che l’azienda di Cupertino non possa rappresentare una grande minaccia, ma se pensiamo che in termini di fatturato vale quasi due volte Amazon e 10 volte più di Netflix, è facile pensare che poi in futuro possa essere davvero insidiosa. Inseriamo nel folto elenco anche Youtube che, con la versione a pagamento denominata Youtube Red, sta per lanciare in autunno la sua prima serie tv originale intitolata Step Up: High Water.

Poco chiara la situazione per Facebook, il nuovo Facebook Watch non sembra rappresentare una grande insidia per quello che propone al momento, le stime suggeriscono che voglia spendere come Apple e Google circa 1 miliardo su contenuti originali il prossimo anno, con alcune serie TV che avranno budget di 3-4 milioni per episodio. Ad ogni modo, la partita è appena iniziata, alla fine a deciderla saranno i contenuti, vedremo quali sapranno acapparrarsi quelli migliori così da ingolosire gli spettatori.

Leggi anche: Black Friday 2017, i prodotti più attesi in Italia e le date più calde per le offerte Amazon e non solo

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Netflix in Italia, novità Apple, novità Facebook, novità Google