Nasce a Torino il laboratorio per la sperimentazione della smart mobility

Torino capitale italiana della smart mobility, nasce il laboratorio di sperimentazione.

di , pubblicato il
smart mobility

È un laboratorio per lo sviluppo e la sperimentazione della smart mobility quello che nasce a Torino con la collaborazione tra il Politecnico di Torino e le aziende AD Consulting Group, Danisi Engineering, Addfor, SMA (Smart Mobility Agency) e Axis Communications.

Smart mobility, laboratorio a Torino

Nasce a Torino un laboratorio per sperimentare i processi di smart mobility al fine di collaudare le tecnologie e le soluzioni per implementare funzioni a favore di una mobilità urbana sostenibile, per i cittadini e imprese e le future Smart City. Già a marzo il primo test in occasione della presentazione della Battista di Automobili Pininfarina con la presenza di un modello pre-serie della iper GT tutta elettrica. Il test è stato attuato con un tour in città realizzato grazie al supporto logistico del Politecnico di Torino e alla collaborazione con Danisi Engineering.

Lo scopo del laboratorio torinese è quello di offrire un’attività sperimentale e certificata per una ricerca che contribuirà allo sviluppo dell’innovazione urbana, con annessa quella trasformazione digitale che ormai investe tutta la nostra sfera quotidiana, comprese la mobilità e l’automotive. Presente alla realizzazione anche SMA – Smart Mobility Agency, l’agenzia che si propone come agevolatore operativo di progetti Smart Road e Mobility per amministrazioni pubbliche e non solo. Ma quali tecnologie saranno impegnate al supporto di questo progetto?

Tecnologie smart mobility, la sperimentazione di Torino

C’è Axis Communications a installare circuito di telecamere intelligenti che fa da supporto all’infrastruttura. Con tale sistema di videosorveglianza è possibile tenere sotto controllo l’intera città, inoltre le apparecchiature possono fungere da sensori per comunicare dati in tempo reale. Naturalmente, in un sistema tech come quello richiesto dalla smart mobility, non può mancare l’intelligenza artificiale.

In questo caso, il supporto è offerto dal software prodotto da Addfor.

Tutti i dati acquisiti, dai sensori alle videocamere, vengono quindi elaborati dall’AI che attraverso speciali algoritmi monitorerà le informazioni acquisiti. Nel farlo, Addfor si occuperà anche della privacy, rispettando quindi le norme nazionali e internazionali che ne regolamentano questo fondamentale aspetto.

Potrebbe interessarti anche Report Save the Children, per i giovani la digitalizzazione è un problema

Argomenti: