Moto e pilota si fondono con la tecnologia Yamaha, ecco il concept Motoroid

Yamaha presenta Motoroid, il nuovo concept di moto elettrica che sintetizza l'obiettivo "kando", ovvero pilota e macchina in un'unica essenza.

di , pubblicato il
Yamaha presenta Motoroid, il nuovo concept di moto elettrica che sintetizza l'obiettivo

Ancora una volta il salone di Tokyo, presentato a fine ottobre come ormai tradizione, non ha lesinato sulle sorprese. Tra i modelli più avveniristici e con le tecnologie più avanguardiste, tanto da proiettarci con il cuore e con la mente ad un futuro (non troppo lontano) ricco di suggestioni, c’è Motoroid, il nuovo concept di Yamaha.

Motoroid di Yamaha, la moto intelligente

Motoroid è un concept di moto intelligente dotata di numerose tecnologie innovative, per un veicolo al passo con i tempi e forse già proiettato verso il futuro. Il motore elettrico è sicuramente una delle caratteristiche che più ha affascinato i presenti al salone di Tokyo, ormai chiaro che le grandi aziende vanno in questa direzione e insistono nel proporre questo tipo di tecnologia per l’immediato futuro. La grande attrattiva però è sicuramente la capacità di interazione che il modello offre con l’uomo.

Il termine nipponico per indicare l’obiettivo di Yamaha è “kando”, che significa perfetta interazione e armonia tra l’uomo e il motore. Motoroid si fa portatrice di questa missione. Ogni singola linea del mezzo è studiata per fare in modo che il pilota diventi una cosa solo con la moto e, ad un primo sguardo generale, sembra veramente di avere di fronte un veicolo del futuro, arrivato ai giorni nostri con una macchina del tempo. Ma l’effetto non è solo sensazionalistico, c’è anche della sostanza nel progetto della casa asiatica.

Leggi anche: Moon, la smart camera che fluttua nell’area per controllare la vostra casa

Caratteristiche Motoroid, il concept di Yamaha

Il peso di Motoroid è simile a quello delle moto classiche, pesa 213 kg. Molto particolare la sella, caratterizzata da appendici molto sensibili che ne modificano l’assetto a seconda dei movimenti del pilota, così da diventare un tutt’uno con esso quando è alla guida. Non ci sono manopole ma delle cloche servono a regolare lo sterzo e la forcella. Come già anticipato, grande interesse intorno al motore elettrico, il quale è posizionato nel mozzo della ruota posteriore.

Le batterie che alimentano il motore sono agli ioni di litio e grazie agli altri dispositivi sparsi per il veicolo Motoroid è in grado di riconoscere il proprio padrone.

Leggi anche: Logitech Bridge, nuovo kit per la realtà virtuale, ma il prezzo è proibitivo

Argomenti: