Mollie, startup olandese dei pagamenti, raccoglie 800 milioni di dollari

Super finanziamento per Mollie, la startup olandese che ha raccolto 800 milioni di dollari.

di , pubblicato il
startup

Un round di 800 milioni di dollari che sta per trasformarla in una delle startup più preziose d’Europa, stiamo parlando di Mollie, società olandese che si occupa di pagamenti.

Sturtup olandese all’apice del successo

Mollie è una startup olandese con sede ad Amsterdam. Probabilmente nessuno si sarebbe aspettato che arrivasse a tanto, eppure Mollie è oggi una delle società più preziose del continente, con un giro di azioni che la portano a una valutazione di 5,4 miliardi di euro. Blackstone Growth (BXG), l’attività di investimento azionario in crescita di Blackstone, ha guidato l’investimento, con la partecipazione anche di EQT Growth, General Atlantic, HMI Capital, Alkeon Capital e TCV. L’investimento è di 665 milioni di euro (800 milioni in dollari).

L’investimento è la diretta conseguenza di una crescita esponenziale ottenuta negli ultimi tempi. La società è attualmente sulla buona strada per elaborare circa 20 miliardi di euro di pagamenti nel 2021, con un aumento del 100% rispetto all’anno precedente, quando aveva elaborato circa 10 miliardi di euro. Attualmente ha 120.000 commercianti attivi mensili, e tra i clienti ci sono Deliveroo, Unicef, Acer e Guess. Sta aggiungendo tra 400 e 500 nuovi clienti ogni giorno. Naturalmente, anche per Mollie, la spinta clamorosa è arrivata dalla pandemia, con il trasferimento nel mondo digitale di tutti i tipi di transazione.

Mollie, la startup dei pagamenti

Da aprile il nuovo CEO della sturtup olandese è Shane Happach. Ecco le sue parole: “L’unica cosa che puoi misurare in modo affidabile nei pagamenti è la spesa dei consumatori. Era al 10% e ora è al 15-20%. Vediamo un’enorme opportunità nella popolazione super svantaggiata delle PMI. Soprattutto se guardi ai nostri mercati principali, da dove proviene la maggior parte dei nostri clienti oggi, i servizi finanziari a cui possono accedere sono molto goffi. C’è ancora molto da fare investendo nella nostra attività, costruendo e formando il nostro personale e servendo i clienti che abbiamo già nel miglior modo possibile”.

potrebbe interessarti anche Nasce in Italia per volere del Consiglio dei Ministri l’Agenzia per la Cybersecurity

Argomenti: