Mi Box Mini: Xiaomi presenta il rivale di Chromecast

Xiaomi ha presentato Mi Box Mini, il fratello minore di Mi Box che rappresenta un'alternativa validissima a Google Chromecast. Ecco com'è fatto e da quando sarà disponibile.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Xiaomi ha presentato Mi Box Mini, il fratello minore di Mi Box che rappresenta un'alternativa validissima a Google Chromecast. Ecco com'è fatto e da quando sarà disponibile.

Effettivamente Mi Box era più ingombrante: non comodo come Chromecast, una specie di chiavetta che colleghi al TV, diventa invisibile e hai sullo schermo un’ampia gamma di contenuti audio e video da vedere. Con Mi Box Mini, Xiaomi rivede le dimensioni proponendo un dispositivo che somiglia a un caricabatterie, ma che invece non è altro che un adattatore per la visualizzazione dei contenuti multimediali in streaming, che supporta la risoluzione Full HD a 1080p e si avvale di un alimentatore e di un cavo HDMI per il collegamento al TV. Presentato nello stesso evento in cui sono stati rivelati Mi Note e Mi Note Pro, Mi Box Mini è passato un po’ in secondo piano, ma resta comunque un prodotto da tenere d’occhio.  

Com’è fatto Mi Box Mini

Mi Box Mini dovrebbe avere più o meno le stesse funzionalità del Mi Box originale e si compone di un processore quad core con CPU Cortex A7, accompagnato da 1 GB di RAM e 4 GB di memoria interna. Il dispositivo presenta inoltre un controller WiFi dual band al suo interno e tra gli accessori, oltre ai sopraccitati cavi, troviamo anche il telecomando attraverso il quale sarà possibile gestire il device tramite Bluetooth.   Oggi come oggi, molti utenti preferiscono scegliere l’alternativa streaming alla televisione tradizionale, spesso collegando il proprio PC al TV tramite cavo HDMI. Con Mi Box Mini l’ostacolo del cavo è stato eliminato visto che viene in soccorso la tecnologia wireless e di certo il dispositivo Xiaomi, anche per dimensioni, si presenta come un’alternativa più che valida a Google Chromecast.   Xiaomi Mi Box Mini sarà disponibile al pre-ordine dal prossimo 20 gennaio ma solo nel mercato cinese. Difficile, almeno per il momento, che arrivi in Europa, anche se le strade per averlo di certo non mancano sfruttando rivenditori terzi. Il prezzo? Al cambio, circa 25 euro. Non male, no?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audio-Video, Nuove tecnologie

I commenti sono chiusi.