Maker Faire 2015: a ottobre a Roma arrivano gli specialisti dell’innovazione

Dal 16 al 18 ottobre a Roma si terrà la Maker Faire 2015: porte aperte all'innovazione digitale e all'artigianato tecnologico.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Dal 16 al 18 ottobre a Roma si terrà la Maker Faire 2015: porte aperte all'innovazione digitale e all'artigianato tecnologico.

Eh sì, Roma non è solo la città più bistrattata del mondo, e nemmeno – soltanto – la città dei funerali dei Casamonica. Roma è anche la città – insieme a Londra e Berlino – che conta più startup e laboratori innovativi in Europa. Non è dunque un caso che la Maker Faire stia acquisendo sempre più importanza. In pochi anni si è ritagliata uno spazio molto importante nel panorama internazionale dell’innovazione digitale, diventando una fiera a tutti gli effetti che raccoglie innovatori e innovazioni e li condensa in una tre giorni ricca di eventi appuntamenti. La Maker Faire 2015 si terrà a Roma dal 16 al 18 ottobre e sarà l’occasione per molti di noi di assistere alle invenzioni del futuro: ci aspettano cose davvero sensazionali, come ad esempio la lampada stampata in 3D che ci impara l’inglese e altre lingue, così come lo specchio sul quale, oltre a riflettere la nostra bella immagine, sarà possibile leggere una rassegna stampa, visualizzare le condizioni meteo e perfino la bacheca di Facebook.   Roma Maker Faire 2015 è organizzata dalla Camera di Commercio e curata da Massimo Banzi e Riccardo Luna ed è una finestra sul panorama delle innovazioni che si staglia davanti ai nostri occhi, guardando al futuro, certo, ma anche al vicinissimo presente. L’artigianato oggi si mescola con la tecnologia per andare a creare prodotti che forse un giorno saranno indispensabili, anche se oggi non ne capiamo il motivo della loro esistenza. L’edizione 2015 della Maker Faire inoltre presenta numeri pazzeschi: dai 600 stand presenti a un’area di 100 mila metri quadri, di cui 15 mila solo di area espositiva. A tutto ciò si aggiungono workshop e seminari, per lavorare con le mani e con il cervello ma anche per imparare le nuove prospettive del lavoro e per renderci conto che molti cervelli italiani non sono in fuga. Sarà inoltre allestita un’area giovani per i più piccoli e saranno presenti zone in cui le scuole potranno presentare i propri progetti innovativi.   Maker Faire 2015 si terrà all’Università La Sapienza e si avvarrà di diverse aree parecchio interessanti: qui, infatti, si può fare un salto alla Maker Music, un vero e proprio laboratorio dove avremo la possibilità di sperimentare l’utilizzo di nuovi strumenti musicali – come ad esempio un violino elettronico prodotto da una stampante 3D – così come l’area Food & Agriculture, dove protagonisti assoluti saranno le stampanti 3D – sempre loro – che producono cibo, gli orti verticali e metodi di coltivazione alternativi. Last but not least, una enorme voliera alta 22 metri e ampia 300 metri quadri denominata House of Drones, dove potranno volare ed essere ammirati i droni di nuova generazione.   Ovviamente non ci saranno solo innovatori italiani, visto che la fiera ospiterà i rappresentati di ben 65 Paesi. Di questa edizione si dichiara orgoglioso il Presidente della Regione Nicola Zingaretti. “Vogliamo utilizzare questi eventi per cambiare il modo di produrre”, ha affermato. “Nei laboratori del Lazio degli istituti di tecnologia porteremo una stampante 3D e i bandi che promuoveremo per l’innovazione produttiva per le aziende, oltre a sostenere la formazione allo scopo di aprire questi nuovi orizzonti a chi oggi vuole cambiare il modo di produrre o inventare nuovi prodotti di artigianato grazie all’innovazione”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie

I commenti sono chiusi.