Macchine volanti entro il 2020 grazie a Uber, sfrecceranno su Los Angeles

Problemi di traffico? Arriva Uber con le macchine volanti. Uberai rivoluzionerà il sistema di trasporto auto grazie alla partnetship con la Nasa.

di , pubblicato il
Problemi di traffico? Arriva Uber con le macchine volanti. Uberai rivoluzionerà il sistema di trasporto auto grazie alla partnetship con la Nasa.

Sarà come andare in bicicletta. Questa la risposta di Uber a coloro che sentono un brivido dietro la schiena al solo pensiero di stare in una macchina volante. La famosa azienda di trasporto automobilistico ha raggiunto l’accordo con la Nasa e l’obiettivo è di fare di Los Angeles la terza città di prova per le auto volanti.

Uber e Nasa, arriva Elevate e le auto volano

Si chiama Elevate il progetto presentato da Uber, nella lista delle città che faranno da test si aggiunge anche Los Angeles dopo Dallas e Dubai. L’obiettivo rientra in un progetto più ampio dedicato all’aviazione, chiamato Elevation, e consiste nella realizzazione di una rete velivoli elettrici di piccola dimensione, capaci di ospitare fino a quattro persone per condividere spostamenti aerei in aree a forte densità abitativa.

Secondo i dati forniti i mezzi potrebbero spostarsi a 300 chilometri orari a una quota relativamente bassa, offrendosi come alternativa al servizio di trasporti su quattro ruote già gestiti dall’azienda. Insomma, Uber ha colto la palla al balzo per imbastire una collaborazione il suo personalissimo progetto chiamato Uberair. L’accordo con la Nasa, il primo della società californiana con un ente governativo, si basa sulla realizzazione di progetti per la gestione del traffico senza pilota (chiamati Utm) e di veicoli aerei senza pilota (chiamati Uas) da impiegare in operazioni a bassa quota.

Leggi anche: Aerei elettrici, sicuri ed economici, ecco i veicoli del futuro

Uberair, il video utopistico dell’auto volante

Utopia o realtà pronta a bussare alle nostre porte a breve? Dal video lanciato da Uber per promuovere l’iniziativa Uberair sembra più la prima ipotesi, nel senso che nella clip pubblicitaria viene ricreato un mondo che al momento è totalmente lontano dalla realtà. Non stiamo parlando della tecnologia in sé, le auto volanti probabilmente sono il problema minore da prendere in esame, ma c’è scetticismo in merito alla sicurezza che tale tipo di trasporto non sembra poter raggiungere in breve tempo. Insomma, una visione un po’ troppo futuristica del mondo, ma che non per questo un giorno non sarà realtà.

Leggi anche: Gli ologrammi sostituiranno le fotografie, avremo dei ricordi animati in VR

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.