L’articolo 11 spaventa Google, ecco come apparirebbero i risultati di ricerca

Google alle strette, Big G protesta contro l'Articolo 11, ecco come cambieranno le ricerche sul web.

di , pubblicato il
Google alle strette, Big G protesta contro l'Articolo 11, ecco come cambieranno le ricerche sul web.

Nuova gatta da pelare per il mondo del web, ora tocca all’articolo 11 fare la voce grossa e anche Google prende fortemente le distanze da quello che potrebbe essere un altro colpo basso ai siti.

Google contro articolo 11

Per protestare contro l’articolo 11 Big G ha deciso di mostrare come apparirebbero i risultati di ricerca qualora dovesse entrare in vigore.

Come riporta il sito Search Engine Land apparirebbero solo i nomi delle testate giornalistiche senza immagini di anteprima, titolo degli articoli o uno snippet che anticipa il contenuto dell’articolo. Resterebbero dunque delle finestrelle vuote con solo il nome del giornale e un riferimento temporale della notizia.

L’articolo 11 potrebbe cambiare radicalmente il mondo del web come lo conosciamo oggi. La direttiva UE sul copyright  chiederebbe in buona sostanza a piattaforme come i motori di ricerca un pagamento di una licenza per poter mostrare all’interno delle proprie pagine contenuti di editori, come immagini e testi.

Inutile dire che una situazione del genere metterebbe in crisi anche un colosso come Google, impossibile infatti pagare tutti i siti che ogni giorno immettono sul web una mole incredibile di news e che l’aggregatore Gnews incorpora, senza parlare ovviamente del motore di ricerca in sé. Insomma, la soluzione sembra quella inevitabile di news senza info nei risultati. Votazioni a marzo per l’articolo 11, ma probabilmente verranno rimandate. Staremo a vedere.

Potrebbe interessarti anche: Aggiornamento Android 9, ecco gli smartphone fortunati che faranno upgrade

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.