La città dei robot dove le auto senza pilota faranno i primi test

Il 20 luglio 2015, alla periferia di Detroit, sarà inaugurata M City, una città popolata da robot dove saranno effettuati i primi veri test sulle auto senza pilota.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Il 20 luglio 2015, alla periferia di Detroit, sarà inaugurata M City, una città popolata da robot dove saranno effettuati i primi veri test sulle auto senza pilota.

Saranno sul mercato tra un lustro – anno più anno meno – ma già da quest’anno, e più nel dettaglio dal 20 luglio 2015, faranno i primi veri test, in una città popolata da robot, con tutti i crismi di una piccola metropoli, con tanto di rotonda, ponti, edifici (una quarantina), incroci, strade sterrate, tunnel e perfino un’autostrada. Si chiamerà M City e sarà inaugurata nell’ultima decade di luglio: è qui che si comincerà a fare sul serio con le auto senza pilota, grazie agli ingenti investimenti dell’Università e del Dipartimento dei Trasporti del Michigan, in collaborazione con aziende quali Ford, Honda, Nissan, Toyota e General Motors.   Grazie a questa città futuristica, infatti, le auto senza pilota saranno monitorate in lungo e in largo, grazie alla possibilità di muoversi nel prototipo di una vera città, con i robot a sostituire gli esseri umani, in un’area di circa 13 ettari alla periferia di Detroit. Sarà studiato quindi il comportamento di questi veicoli alla presenza di una rotatoria, o all’ingresso in autostrada, o ancora quando un robot attraverserà la strada. Con stime molto positive – si pensa che il settore entro il 2025 varrà circa 42 miliardi di dollari all’anno – le automobili senza pilota potrebbero rappresentare il 25% della quota di mercato dell’intero mercato automobilistico entro i prossimi 20 anni.   I robot che popoleranno M City saranno sia a piedi sia in bicicletta, replicando così il potenziale di rischio di una normalissima comunità urbana. In questo modo, le auto senza pilota potranno muoversi in un contesto ultrarealistico dove non solo vi saranno i tipici elementi di una geografia urbana, ma anche veri e propri androidi che simuleranno il comportamento umano in strada. Arricchite da sensori in grado di riconoscere qualsiasi tipo di ostacolo, le auto senza pilota che saranno testate a M City verranno provate in ogni situazione e condizione, anche in presenza di fenomeni atmosferici dettati dalle stagioni.   Dopotutto ci separano solo 5 anni dall’inaugurazione commerciale di questi veicoli del futuro. E mentre molte persone stanno chiedendo di voler visitare M City e le sperimentazioni sulle auto senza pilota, come riporta a Bloomberg il responsabile del progetto Peter Sweatman, tutti i nostri pensieri volgono verso un’unica direzione: riusciranno le auto senza pilota a superare il test della sicurezza stradale? Stiamo già incrociando le dita…

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie

Leave a Reply