Kirin 980, Huawei annuncerà il nuovo processore il 31 agosto, in azione sul Mate 20

Huawei presenterà il nuovo processore Kirin 980 all'IFA di Berlino io 31 agosto, sarà la grande novità del Mate 20.

di Daniele Magliuolo, pubblicato il
Huawei presenterà il nuovo processore Kirin 980 all'IFA di Berlino io 31 agosto, sarà la grande novità del Mate 20.

Keynote in programma per il 31 agosto all’IFA di Berlino, è quanto programmato da Huawei negli ultimi giorni. Argomento del giorno? Il nuovo processore Kirin 980. Andiamo a scoprirne di più.

Kirin 980 sta per arrivare

Sta prendendo finalmente forma l’attesissimo momento in cui Huawei annuncerà il nuovo Kirin 980, il processore superevoluto che permette un gran mole di calcolo ai device di futura generazione dell’azienda cinese. Huawei sembra pronto a consolidare la tradizione, in terra tedesca il nuovo processore, così come accaduto nel 2017 per Kirin 970. Il Kirin 980, realizzato dalla sussidiaria HiSilicon, sarà il primo SoC del produttore cinese basato sulla tecnologia di processo FinFET a 7 nanometri e probabilmente il primo in assoluto ad arrivare sul mercato.

Potrebbe interessarti anche: Netflix, uscite agosto, da domani nuove serie e film in esclusiva

Quali device beneficeranno subito del nuovo arrivo? Ma naturalmente i prossimi dispositivi di mamma Huawei, ovvero Il Mate 20 e Mate 20 Pro attesi molto probabilmente per ottobre di quest’anno. I nuovi phablet cinesi saranno i primi a sfruttare la speciale tecnologia del nuovo processore, poi si penserà eventualmente ai futuri smartphone della linea P (forse P21, ma il nome è ancora tutto da scoprire) che usciranno invece verso marzo 2019. Rispetto al Kirin 970 si prevedono prestazioni superiori del 20% ed efficienza energetica superiore del 40%.

Ma andiamo ora a sciorinare un po’ di dettagli tecnici, che non fanno mai male: il SoC dovrebbe essere composto da quattro core ARM Cortex-A77 a 2,8 GHz e quattro core ARM Cortex-A55 a 1,8 GHz. Huawei ha dichiarato che la GPU sarà 1,5 volte più veloce della Adreno 630 integrata nello Snapdragon 845. Presenterà inoltre una NPU  di seconda generazione e, in base al livello di intelligenza artificiale necessario, presenterà tre varianti che dovrebbero essere dual, quad e octa core.

Potrebbe interessarti anche: Google Pixel 3 XL si mostra in foto per la prima volta, c’è il notch frontale

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove tecnologie, Smartphone Huawei

I commenti sono chiusi.